In quale caso i genitori possono stare a casa per seguire la quarantena del figlio?

Nella sola ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile e, comunque, in alternativa alla prestazione di lavoro in modalità agile

È vero che durante la quarantena del figlio convivente, minore di quattordici anni, che quindi rimane a casa da scuola, uno dei genitori dipendenti può astenersi dal lavoro?

A rispondere alla domanda è direttamente il sito del Ministero dell'Istruzione.

È vero nella sola ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile e, comunque, in alternativa alla prestazione di lavoro in modalità agile.

In tal caso, uno dei genitori, alternativamente all’altro, può astenersi dal lavoro per tutto o parte del periodo corrispondente alla durata della quarantena del figlio convivente, minore di quattordici anni, disposta dal Dipartimento di prevenzione della ASL competente territorialmente, a condizione che il contatto si sia verificato all'interno del plesso scolastico. In luogo della retribuzione è riconosciuta, in tal caso, un’indennità pari al 50% della retribuzione stessa.

La misura è valida fino al 31 dicembre 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'appello degli psicologi liguri ai dirigenti scolastici e ai sindaci per la Giornata Mondiale dell'Infanzia e dell'Adolescenza

  • Unige mette a disposizione degli studenti un database con più di 12mila video

  • #LeScuole: innovazione, inclusione, sostenibilità, così la scuola si racconta sui social

  • Corso gratuito IFTS “Tecnico Superiore per le Tecnologie dell’informazione e della comunicazione con specializzazione in Digital Economy”

  • Tech Jobs Fair 2020: professionisti e aziende incontrano chi cerca lavoro

  • Online il tour virtuale "Tra segno e colore", la mostra nella Biblioteca Universitaria di Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento