Lavoro e formazione, al via Orientamenti al Porto Antico. Al Career Day 3.700 posti in ballo

Taglio del nastro e cerimonia inaugurale ai Magazzini del Cotone per la 26esima edizione del salone dedicato alla formazione e all'educazione professionale. Al Palazzo della Borsa 108 aziende incontrano aspiranti lavoratori

È stata inaugurata stamattina alla presenza della presidente nazionale di Confesercenti, Patrizia De Luise, del rettore dell’Università di Genova, Paolo Comanducci, e dell’assessore regionale alla Cultura e alla Formazione, Ilaria Cavo, la nuova edizione di Orientamenti, il salone dedicato all'educazione e alla formazione professionale che sino al 14 novembre coinvolgerà tutto il centro città.

Il taglio del nastro si è tenuto in Calata Falcone e Borsellino, al Porto Antico, seguito da un corteo verso i Magazzini del Cotone per la cerimonia di inaugurazione nella Sala Maestrale, ai Magazzini del Cotone.

L’inaugurazione della 24esima edizione di Orientamenti era stata anticipata lunedì dall’inizio di un’altra manifestazione dedicata al lavoro, il Career Day, organizzato nella Sala delle Grida di Palazzo della Borsa.

Career Day 2019 a Palazzo della Borsa, offerti 3.700 posti di lavoro 

Oltre 3.700 le posizioni lavorative messe a disposizione dalle 108 aziende che, lunedì mattina e sino a giovedì partecipano alla sesta edizione: porte aperte dalle 9 alle 17.30 per i giovani alla ricerca di un impiego

Il bilancio del primo giorno è stato positivo: oltre 400 persone si sono messe in fila per i colloqui, 1.500 quelle che hanno già preso un appuntamento sul portale della Regione Liguria. Particolarmente richieste le professioni connesse all'ambito turistico, dagli assistenti di volo ai tour operator, dai cuochi di bordo agli addetti all'accoglienza, fino agli esperti di multimediale. 

«Rispetto alle passate edizioni abbiamo dovuto ampliare le date del Career Day, perchè abbiamo avuto una grande richiesta da parte delle aziende- ha detto l'assessore regionale alla Formazione, Ilaria Cavo - i settori che la fanno da padrone sono quelli tecnici. C’è una grande richiesta di ingegneri, periti informatici e professioni amministrative e commerciali che ci dicono chiaramente che e' giusto insistere su percorsi di formazione tecnica, quelli dove le aziende offrono maggiori opportunità. Ci auguriamo pertanto che si possa fare un bell'incrocio tra domanda e offerta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università: come prenotarsi per le attività in presenza dal 1 marzo

  • Come si diventa insegnante: titoli di studio, concorsi, tutto quello che bisogna sapere

  • Corsi di formazione dei giardini botanici Hanbury a Genova

  • Torna a Genova (online) la simulazione della conferenza Onu dei ragazzi del Deledda

Torna su
GenovaToday è in caricamento