Torna "La Bohème" al teatro Carlo Felice per la regia di Ettore Scola

La Bohème, immortale ed amatissimo capolavoro di Giacomo Puccini, torna in scena al Teatro Carlo Felice da Giovedì 17 dicembre 2015, alle ore 20.30.

Opera in quattro quadri su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa, tratto da Scènes de la via de bohème di Henri Murger, mette in scena la spensieratezza della gioventù, ma anche i suoi drammi, oltre a essere un inno all’amore puro in un’ottocentesca ambientazione parigina. L’opera fu rappresentata per la prima volta il 1° febbraio 1896 al Teatro Regio di Torino con la direzione di Arturo Toscanini. La musica di Giacomo Puccini, scritta in soli otto mesi, diede vita ad una delle sue opere più amate e rappresentate, ancora oggi in grado di commuovere e meravigliare. La storia sincera e semplice di Mimì e Rodolfo, le schermaglie amorose di Marcello e Musetta, sono spettacolari tranches de vie che ispirano registi, scenografi ed artisti da ormai 113 anni.

Non è la prima volta che il Carlo Felice propone opere la cui regia è realizzata da un importante regista cinematografico: Giuliano Montaldo, genovese doc, con una memorabile Turandot, Ermanno Olmi, con la Sonnambula nel 1995 e il progetto registico di Jérusalem nel 2000, Werner Herzog, che nella primavera del 2001 portò in scena Giovanna d’Arco, Franco Zeffirelli, che con Tabarro e Pagliacci ha ricreato in palcoscenico un vero e proprio set cinematografico, Dario Argento, con una raffinatissima Lucia di Lammermoor andata in scena proprio la scorsa stagione, e ora Ettore Scola, che con questa Bohème arricchisce la rosa dei grandi registi cinematografici che hanno calcato le scene del Carlo Felice.

L’allestimento, che ricrea con fedeltà un clima parigino di fine ottocento, proviene della Fondazione Festival Pucciniano; le scene sono di Luciano Ricceri (storico collaboratore di Scola), i costumi di Cristina Da Rold, le luci di Valerio Alfieri.

La direzione di Coro e Orchestra del Teatro Carlo Felice è affidata a Giuseppe Acquaviva, che oltre ad esserne il Direttore Artistico, questa volta ricopre per il Teatro Carlo Felice anche il ruolo di Direttore d’Orchestra;  il Coro di Voci bianche è guidato a Gino Tanasini. L’opera si avvale di due cast  prestigiosi, con un secondo cast tutto Kazaco, che si alternano nelle recite: Fiorenza Cedolins,  Aigul Niyazova e Serena Gamberoni (Mimì), Desirée Rancatore, che debutterà nel ruolo e Saltanat Akhmetova (Musetta), Leonardo Caimi, Medet Chotabayev (Rodolfo), Fabio Maria Capitanucci, Talgat Mussabayev (Marcello), Federico Longhi, Yevgeniy Chainikov (Schaunard), Gabriele Sagona (Colline).

Numerosi gli incontri collaterali che il Teatro Carlo Felice ha organizzato intorno all’evento:

sabato 12 dicembre 2015 – ore 16.00

Auditorium Eugenio Montale

Conferenza Illustrativa “La vita di Bohème da Murger a Puccini”

A cura di Roberto Iovino

In collaborazione con l’Associazione Amici del Carlo Felice e del Conservatorio N. Paganini

Domenica 13 dicembre 2015 – ore 11.00

Teatro Carlo Felice

Concerto aperitivo della domenica mattina

Prova d’assieme aperta al pubblico

Orchestra, Coro e Coro di Voci Bianche del Teatro Carlo Felice

Lunedì 14 dicembre 2015 – ore 17.30

Sala Paganini

Un pomeriggio all’opera

Incontro con gli artisti

A cura di Massimo Pastorelli

Seguirà aperitivo in collaborazione con Agenda del Teatro

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra di Banksy a Genova: "War, Capitalism & Liberty"

    • dal 22 novembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Palazzo Ducale
  • La ruota panoramica torna a calata Gadda, e i genovesi pagano la metà per l'inaugurazione

    • dal 10 novembre 2018 al 3 maggio 2020
    • Porto Antico
  • Palazzo Ducale: il programma degli eventi 2019-2020

    • dal 1 settembre 2019 al 31 agosto 2020
    • Palazzo Ducale
  • Teatro Govi di Bolzaneto: la stagione 2019-2020

    • dal 6 ottobre 2019 al 31 maggio 2020
    • Teatro Rina e Gilberto Govi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    GenovaToday è in caricamento