Not here not now, Andrea Cosentino sul palco della Tosse

  • Dove
    Teatro della Tosse
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 06/02/2014 al 08/02/2014
    20.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Dopo l'incontro di Villa Croce, Andre Cosentino sale sul palco del Teatro della Tosse dal 6 all’8 febbraio, alle ore 20.30, per lo show NOT HERE NOT NOW, just another fucking theatre entertainment.

Un incontro/scontro da teatranti con la body art, il lazzo del clown che gioca con il martirio del corpo come testimonianza estrema. Marina Abramovic dice: il teatro, il cinema, l'arte sono limitate, essere spettatori non è un'esperienza. L'esperienza bisogna viverla.

Theatre is very simple: in theatre a knife is fake and the blood is ketchup. In performance art a knife is a knife and ketchup is blood”.

Il resoconto di un'esperienza attiva con Marina Abramovic, sotto forma di dramoletto polifonico. Un assolo da stand up comedian per spettatori fatalmente passivi e programmaticamente maltrattati, con pupazzi parrucche martelli di gomma e nasi finti. E ketchup, naturalmente.

“Not here, not now”: Cosentino e lo sberleffo alla Abramovic per interrogarsi sul senso dell’arte. Esperimenti poco estremi di body art di un Cosentino con naso finto e lunga treccia, impaurito e incredulo artista dal nome non noto. È Accecovic quando s’infilza gli occhi con un cotton fioc, Albuiovic quando affronta l’oscurità, Agrumovic quando addenta un limone intero, Astemiovic quando resiste a un bicchiere di vino, Apiedovic quando attraversa a piedi la città con le buste del mercato.

Un Andrea Cosentino capace di capovolgere il silenzio del pubblico in risate a ripetizione Faccio arte su ciò che non capisco, premette da subito. Questa sarà la base della sua ironica critica verso il lavoro di Marina Abramovic, per la quale l’esperienza artistica va vissuta in prima persona e non da spettatore. Una performance in cui si accoltella per davvero con un coltello finto – potremmo dire – spruzzando poi fiotti di ketchup al posto del sangue. Sangue finto con cui, per terra, per chi non lo avesse capito, con quel didascalismo naif proprio di certa arte visiva, traccia la scritta che fa da etichetta al suo gesto performativo intriso di finto dolore.

Cosentino ancora una volta si mostra per quello che è: un’artista provocatorio in continua evoluzione che non ha paura di uscire dagli schemi, ed è proprio attraverso questo processo che riesce a dare ancora una volta da pensare, a stimolare quel senso di criticità e perspicuità nei confronti dell’arte e della vita.

Di e con Andrea Cosentino, regia Andrea Virgilio Franceschi, produzione Pierfrancesco Pisani. In coproduzione con Kilowatt Festival, Litta_Produzioni, Associazione Olinda, Infinito srl, Fondazione Campania dei Festival - E45 Napoli Fringe Festival

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • "Staglieno delle meraviglie con il mio cucciolo": la visita guidata per chi ha un cane

    • 5 maggio 2021
    • Cimitero Monumentale di Staglieno
  • "Genova città fragile": c'è tempo fino a maggio per partecipare alla call

    • Gratis
    • dal 9 febbraio al 11 maggio 2021
  • Sulle orme di Sissi: il grande anello del monte Gazzo

    • 25 aprile 2021
    • Sestri Ponente
  • Chiavari in Fiore: la 18esima edizione della mostra-mercato torna a maggio

    • Gratis
    • dal 15 al 16 maggio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento