Fede e scienza: seminario su dna e determinismo

Gli ultimi decenni della ricerca scientifica mondiale sono stati dominati dalla straordinaria scoperta del DNA e da tutte le innovazioni biotecnologiche che ne sono derivate. L’impatto sulla società è stato colossale. Tutti ormai siamo influenzati in ciò che mangiamo (alimenti OGM), nei nuovi modi di curarci (es. terapia genica e farmaci di nuova generazione) e nel nuovo modo di pensare alla vita e alla genitorialità (fecondazione in vitro e gravidanza per altri).

Il DNA, e ciò che rappresenta, oggi non è più una “questione tecnica”, un argomento per addetti ai lavori, ma una nozione di cultura generale che tutti utilizziamo nei nostri discorsi e nella nostra quotidianità.

Ci scusiamo con chi abbiamo offeso perché la schiettezza è nel nostro DNA, argomentiamo il nostro desiderio di fare vacanze perché in noi sentiamo di possedere il gene dell’anima errante oppure semplicemente in fase di contrattazione ci presentiamo ai nostri clienti come efficienti, seri e dinamici… perché questi valori fanno parte del DNA della nostra azienda.

È molto chiaro il concetto che sta dietro alla scoperta scientifica: esiste un codice scritto che determina ciò che siamo, che definisce dettagliatamente il nostro essere, che delinea in modo molto deciso quali siano i nostri confini. Questo modo di pensare si chiama “determinismo”. La gente potrebbe pensare che sia già tutto scritto; che la propria natura sia stabilita e non ci possa essere modo di cambiare. Le persone potrebbero essere incoraggiate a pensare che “se si nasce tondi e non si può morire quadrato”.

Questo modo di ragionare potrebbe alimentare la rassegnazione o giustificare comportamenti. Oggi, infatti, nella genetica si cercano le cause dell’obesità, della depressione e dell’orientamento sessuale. “È inutile provare a dimagrire, ho scritto ‘obeso’ nel mio DNA”. “È inutile provare a uscire dalla depressione, ce l’ho scritta nei mie geni, meglio farla finita…”.

Oltre a spiegare scientificamente che il nostro DNA non ci definisce in maniera assoluta, vedremo, insieme al dott. Silvano Santoro (biotecnologo), che è possibile cambiare la propria situazione in meglio, a prescindere da quale sia il nostro “bagaglio biologico”.

Il seminario, che si terrà il 17 aprile alle ore 20:30 presso la biblioteca "Bertha Von Suttner" di Busalla (GE), è parte degli eventi nell’ambito delle celebrazioni del 10° Anniversario di Missione Busalla, il cui calendario è disponibile e in continuo aggiornamento nella pagina Facebook “Missione Busalla”.

L'ingresso è gratuito. Al termina verrà offerto un rinfresco ai partecipanti.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Open day all'associazione Nuova Acropoli

    • Gratis
    • 18 settembre 2020
    • Ass. NUOVA ACROPOLI
  • Presentazione del libro "I bambini non perdonano. Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?" di Vanessa Niri

    • solo domani
    • Gratis
    • 17 settembre 2020
    • Palazzo Ducale

I più visti

  • L'Acquasola diventa un ristorante a cielo aperto: il menu completo, i locali, come prenotare

    • dal 1 settembre al 31 ottobre 2020
    • Parco dell'Acquasola
  • Torna la fiera di Santa Zita: 180 bancarelle invadono la Foce

    • Gratis
    • 20 settembre 2020
    • Foce
  • Cinema all'aperto ai parchi di Nervi, non succedeva da 26 anni

    • dal 10 agosto al 18 settembre 2020
    • Parchi di Nervi
  • Genova si trasforma in un museo a cielo aperto con la mostra "Una sfera tra i due mondi"

    • Gratis
    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    GenovaToday è in caricamento