“Il mulino dei Botta Adorno”, il nuovo romanzo storico di Pier Guido Quartero

Un viaggio fra avventura, storia e fantasia. Martedì 15 marzo 2016 alle 17.30 alla Biblioteca Universitaria di Genova (Hotel Colombia - Via Balbi, 40) presentazione del libro "Il Mulino dei Botta Adorno", il nuovo romanzo storico di Pier Guido Quartero, Liberodiscrivere® edizioni, n collaborazione con la Biblioteca Universitaria di Genova e Genova Voci. Alla presenza dell'autore interverranno Laura Guglielmi giornalista, e Alessandro Pellegrini storico, Antonello Cassan editore. Letture di Fabio Contu. La presentazione sarà accompagnata dalla proiezione di immagini illustrative. Il libro è acquistabile nelle migliori librerie della città.

In questo nuovo romanzo storico di ambiente genovese, Pier Guido Quartero situa l'azione dei suoi personaggi nel periodo, tra il 1746 e il 1825, in cui l'antica Repubblica marinara ha gli ultimi guizzi di vitalità per poi finire, dopo la Rivoluzione Francese e la parentesi napoleonica, annessa al Regno di Sardegna.Tutto ha origine nel momento in cui il Generale Botta Adorno, genovese di origine ma a capo delle truppe imperiali, decide di abbandonare Genova, dopo la rivolta iniziata da Balilla. Cinque muli carichi d'oro che si trovano nella retroguardia dell'esercito in ritirata vengono catturati dai contadini polceveraschi. Che fine fa quell'oro? La questione è complicata. Basti dire che ci sono di mezzo un mulino posseduto dal Generale in Val Borbera e una Confraternita cui questo mulino è stato assegnato. Il tutto allo scopo di aggirare il Fisco Imperiale (il mondo non cambia mai…) A dipanare la matassa sarà chiamato Pietro Traverso, un giovane Carlofortino nato nel giorno in cui la sua città è stata saccheggiata dai pirati tunisini e per questo destinato dal padre a una carriera nella Regia Marina Sarda, allo scopo di vendicare l'offesa portata ai propri concittadini. Con l'aiuto del suo mentore, Lorenzo Allegrotti, Pietro, dopo aver affrontato e sconfitto i pirati maghrebini, si recherà in meridione per recuperare il denaro sottratto ai genovesi e dedicarlo alla causa dell'indipendenza e dell'unità d'Italia, secondo l'aspirazione che in questa fase storica sta affermandosi nel cuore e nella mente dei migliori intellettuali del paese.

Pier Guido Quartero, (Genova, 23/2/1949) ha pubblicato con Liberodiscrivere un originale romanzo noir ("Trekking a Genova" in cui racconta il proprio amore per le periferie genovesi), un volume di racconti ("Blue Avana - Cento anni di taxi a Genova") e un ritratto a tutto tondo del centro storico di Sanremo ("Storie della Pigna").La sua produzione più nota, peraltro, è quella relativa ai romanzi storici di ambiente genovese, di cui "Il Mulino dei Botta Adorno" è il quinto, preceduto nell'ordine da "La Lettera Perduta" (storie di marinai e di mercanti nella Genova del Medio Evo) e dai tre volumi della Trilogia Tabarchina: "L'Oro di Tabarca", "L'Eredità di Don Diego" e "Il Segreto dell'Alchimista", dove si narrano le avventure di una famiglia di genovesi trasferitisi sull'isola di Tabarca, davanti a Tunisi, insieme ai coloni pegliesi che tennero questa base per la pesca del corallo dal XVI al XVIII secolo, prima di trasferirsi nelle isole del Sulcis, in Sardegna, dove tuttora vivono, conservando gli usi e la parlata dei loro antenati.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Promozioni, potrebbe interessarti

I più visti

  • Escursione alla scoperta della via dell’acqua: l’acquedotto del '600, la valle del Geirato e i prati Casalini

    • solo domani
    • 18 aprile 2021
    • Molassana
  • Tour fotografico di Castello Coppedè

    • solo domani
    • Gratis
    • 18 aprile 2021
  • "Genova città fragile": c'è tempo fino a maggio per partecipare alla call

    • Gratis
    • dal 9 febbraio al 11 maggio 2021
  • Claudia Ottone: la comunicazione emozionale

    • solo domani
    • 18 aprile 2021
    • Palazzo Grimaldi della Meridiana
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento