"Radicati-Eradicati", personale di Wally Serra

Sabato 6 febbraio alle ore 17, inaugurazione della mostra personale dell’artista Wally Serra “Radicati-Eradicati” nel Museoteatro della Commenda di Prè secondo piano, intervengono insieme all’artista Marina Mannucci Relazioni Esterne Mu.MA e Cristina Scardovi regista televisiva Rai.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

In esposizione oltre venti opere, dipinti, sculture e rilievi, sul tema esistenziale del radicamento – sradicamento. Alberi che assumono fattezze umane. Ritratti nel loro continuo staccarsi e ricongiungersi al cielo, non ancora alberi, non più uomini. Esseri coraggiosi che non soccombono.

Wally Serra  ha scelto come spazio espositivo l’antico ospitale della Commenda di Prè, per la sua severa bellezza e perché questo gioiello medievale di singolare bellezza nato per dare ospitalità e assistenza a pellegrini e viandanti è in sintonia con le sue suggestive opere. Opere che riflettono sul passaggio della  gente sdradicata in cerca di nuove radici, eternità di un tema che è vicino anche al  Galata Museo del Mare con il suo padiglione dedicato a Memorie e Migrazioni.

Per Cristina Scardovi, la pittura di Wally Serra rappresenta  “alberi che assumono fattezze umane, corpi in procinto di lasciare il tronco dal quale hanno preso vita, e che di quel tronco conservano le tracce, e le radici. Uomini che diventano pianta, ramo, fogliame, e andranno a nutrirsi di una nuova linfa. Queste figure non ancora albero, non più uomo, sono ritratti nel loro continuo staccarsi e ricongiungersi dalla terra al cielo.

Non si vive senza radici, e questa produzione di Wally Serra ce lo conferma. Il contatto con la Terra rendeva invincibile il gigante Anteo, che morì lottando con Ercole perchè lo tenne sollevato, impedendogli di posarsi al suolo per ricevere nuova forza. L’albero prende vita dalla terra, dove affonda le radici, ma anche dal sole, dall’aria, dall’acqua. Questi alberi antropomorfi, queste creature dai lunghi arti nodosi, continuano a vivere anche eradicati, fuori dall’humus. Precipitano, camminano, cadono, si rialzano, salvati dalla morte mentre si protendono verso il cielo. Hanno ancora le loro radici, con le quali sembrano fluttuare, nella sospensione dolorosa che succede al distacco, vagare per affidarsi all’aria, all’acqua, al sole, tornare alla terra. Sono esseri coraggiosi, che vincono la paura e la desolazione, e non soccombono.”

Per Germano Beringheli  “la pittura - adoperata gestualmente con sottolineate evidenze di natura espressionistico-informale e intenzionata a corrispondenze sismografiche della quotidianità esistenziale contemporanea - serve a Wally Serra per comunicare, attraverso immagini incisivamente emblematiche, la personale visione del mondo. Che, nelle opere recenti, quando l'autrice rifugge i luoghi comuni, soprattutto, le radicalità, più che note, di certi effetti kokoschkiani, appare di una tensione non comune, caratterizzata dalla densità dell'impasto cromatico e dalla plasticità simbolica delle figure.”

L'autrice - Wally Serra - nasce a Genova, dove vive e lavora. Ha allestito varie personali a Genova.
Di lei hanno scritto: G:Beringheli, S. Ricaldone, A. Sartori, G. Scorza, C. Scardovi. Hanno scritto inoltre: Il Secolo XIX, Il Lavoro, Il Corriere Della Sera, Il Corriere Mercantile, Exib-Art. È presente nel Dizionario Artisti Liguri 1991-94-95-2001-2005-2013. 2003 segnalata al Premio Espoarte -Arteam- Intern. Albisola Marina. 2004 partecipa alla mostra “Verità  e Dubbio” (Biennale di Poesia di Alessandria). 2004  Libri mai visti -Vaca Russi - Ravenna

La curatrice della mostra è Cristina Scardovi regista televisiva sceneggiatrice Rai.

La costruzione dell'Ospitale della Commenda di Prè ebbe inizio nel 1180, per volontà di Frate Guglielmo dei Cavalieri Gerosolimitani, in seguito diventati Ordine dei Cavalieri di Malta. Il complesso è un gioiello medioevale di singolare bellezza, segnalato nelle guide internazionali, costituito da due pregevoli chiese sovrapposte e l'adiacente museo. Dopo quarant'anni di restauri, nel 2009 il Mu.MA ha riaperto al pubblico l'Ospitale di San Giovanni di Prè, con il museo della Commenda: un allestimento multimediale basato sul messaggio forte "Perchè nessuno si senta straniero a Genova". L'edificio è diventato un suggestivo e ricercato spazio per eventi, incontri culturali, recital, convegni, conferenze, mostre, cocktail e cene di gala.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Dar corpo al corpo": la mostra alla Wolfsoniana di Nervi

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 26 settembre 2021
    • Wolfsoniana di Nervi
  • Mostra d'arte contemporanea: differenze e analogie del colore di Divulgarti Eventi

    • Gratis
    • dal 2 al 16 aprile 2021
    • Divulgarti Eventi Ducale
  • Giorgio Griffa: un mondo astratto non basta, la mostra

    • Gratis
    • dal 26 febbraio al 25 aprile 2021
    • ABC-ARTE

I più visti

  • Apre la pista di mini quad per bambini a San Fruttuoso

    • solo domani
    • 12 aprile 2021
    • San Fruttuoso
  • Quokka Polo Positivo, un nuovo spazio dove arte, cultura e spettacolo si incontrano: il programma

    • dal 29 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Quokka Polo Positivo
  • Appennino genovese: presentazione del libro 100 escursioni sui monti di Genova

    • solo domani
    • Gratis
    • 12 aprile 2021
    • Internet
  • "Quinto al Mare: l'aristocrazia dei capitani": tour tra percorsi antichi, arte svelata, commercio e devozione

    • 15 aprile 2021
    • Fermata AMT Europa 14 San Pietro - Linea 17
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento