Nanni Valentini: l’interspazio tra il visibile e il tattile

ABC-ARTE dedica un’ampia retrospettiva all’opera plastica di Nanni Valentini (1932-1985), una delle personalità più singolari e vivide della ricerca artistica del secondo dopoguerra. Il titolo, “L’interspazio tra il visibile e il tattile”, è tratto da un testo dell’artista pubblicato nel 1975.

Sarà ricostruito in particolare il decennio cruciale, 1975-1985, in cui Valentini, dopo un lungo periodo in cui viene riconosciuto come uno dei massimi scultori in ceramica viventi – a fine anni Cinquanta collabora tra l’altro con Lucio Fontana nella monumentale Tomba Melandri a Faenza, vince il Premio Faenza nel 1956, 1961 e 1977 e il premio del Syracuse Museum of Fine Arts nel 1958 – frequentando un’ampia e vivida cerchia intellettuale, da Tancredi a Scanavino, da Arnaldo e Gio’ Pomodoro a Sottsass, nel 1976 si afferma sulla scena milanese con una personale memorabile di opere pittoriche e sculture alla Galleria Milano di Carla Pellegrini.

Da subito il suo approccio alla materia, al colore, alla figura ne fa un unicum nel dibattito contemporaneo, in cui un atteggiamento colto e sapienziale si incrocia con la potenza asciutta di visioni plastiche che non hanno confronti tra i contemporanei.

Nei primi anni Ottanta ha una serie di personali in gallerie primarie, Babel a Heilbronn nel 1981, Vera Biondi a Firenze e Galerie -e di Monaco nel 1982: nello stesso anno ha una sala personale alla Biennale di Venezia ed è in “La sovrana inattualità” al Museum des XX. Jahrhunderts di Vienna. Nel 1984 ha una vasta personale al Padiglione d’arte contemporanea di Milano (il suo Cratere entra nelle collezioni permanenti del Civico Museo d’Arte Contemporanea di Milano al Palazzo Reale), poi espone al Museu de Ceràmica di Barcellona e ancora alla Galerie -e di Monaco; l’anno dopo è alla San Luca di Bologna, ma il 5 dicembre 1985 muore improvvisamente.

La mostra, patrocinata dal Comune di Genova, presenta circa trenta opere che ne documentano l’intensa e ramificata stagione matura, in cui fanno spicco le sculture, alcune di grandi dimensioni (come Muro grande del vaso e il polipo e Cerchio), e vere e proprie rarità, tra cui alcune vaste opere su carta inedite e una serie di garze, esercizi intorno alla fisicizzazione della monocromia, del 1975-1976.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Le "Ninfee" di Monet arrivano al Ducale: sarà possibile rimanere soli davanti alla grande opera

    • dal 12 June al 23 August 2020
  • Mythos: creature fantastiche tra scienza e leggenda, la mostra al Museo di Storia Naturale

    • dal 6 June al 30 August 2020
    • Museo di Storia Naturale
  • "Obey fidelity. The art of Shepard Fairey" la mostra al Ducale (con il celebre "Hope")

    • dal 4 July al 1 November 2020
    • Palazzo Ducale

I più visti

  • Le "Ninfee" di Monet arrivano al Ducale: sarà possibile rimanere soli davanti alla grande opera

    • dal 12 June al 23 August 2020
  • Cinema all'aperto ai parchi di Nervi, non succedeva da 26 anni

    • dal 10 August al 18 September 2020
    • Parchi di Nervi
  • Harry Potter alla miniera di Gambatesa: alla scoperta della Gringotts, la banca dei maghi

    • dal 3 July al 26 August 2020
    • Miniera di Gambatesa
  • Torna Porto Antico EstateSpettacolo: tutti gli eventi in programma

    • dal 30 June al 6 September 2020
    • Porto Antico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    GenovaToday è in caricamento