Le stanze della fantasia: Pinocchio e non solo in mostra

  • Dove
    Wolfsoniana
    Via Serra Gropallo
  • Quando
    Dal 21/11/2014 al 07/06/2015
    invernale (novembre-marzo) dal martedì alla domenica 11.00 - 17.00 (lunedì chiuso); estivo (aprile-ottobre) dal martedì al venerdì 11.00 – 18.00; sabato-domenica 12.00 – 19.00 (lunedì chiuso)
  • Prezzo
    intero € 5, ridotto € 4, scuole € 3
  • Altre Informazioni

Viene inaugurata venerdì 21 novembre alle ore 18 presso la Wolfsoniana – Musei di Nervi (Via Serra Gropallo 4) Le stanze della fantasia. Antonio Rubino e il mondo dell’infanzia.

La mostra prende l’avvio e si polarizza intorno a due stanze dedicate ai bambini della collezione della Wolfsoniana: la nota Camera del bambino di Antonio Rubino (1924 circa) e la Cameretta Pinocchio (1928 circa), proveniente da una residenza veneta della famiglia Lapadula e da poco generosamente donata al museo.

La stanza di Rubino, i cui arredi trovano perfetta corrispondenza con i tre pannelli a tempera su tela che li inquadrano, rappresenta una suggestiva conferma della straordinaria ricchezza espressiva della fantasia creatrice dell’artista ligure e della sua piena adesione alle magie e alle inquietudini dell’immaginario infantile.

Alla realizzazione di questa cameretta, Rubino accennava già - attraverso una proposta di esclusiva per la riproduzione dei mobili - in una lettera dell’aprile del 1924 ad Arnoldo Mondadori, con cui aveva iniziato a collaborare sin dal 1912. Se non esistono fonti che attestino un seguito a questi primi accordi, è invece documentata la collaborazione tra Rubino e l’ “Industria veneziana mobili laccati” che - fondata da Vittorio Lampronti e Giorgio De Tomi nel 1928 e attiva sino al 1934 - partecipò nel 1928 al concorso delle “Tre Venezie” per l’arredamento della casa, presentando una cameretta decorata con immagini tratte dalle sue tavole per la rivista “Il Balilla”.

A tale ambiente ne seguirono probabilmente altri ispirati ai suoi personaggi, ma la stanza della Wolfsoniana è l’unica in cui si può ammirare integralmente la proiezione tridimensionale delle sue animate composizioni grafiche, come confermato da alcune geniali soluzioni inventive, tra le quali spicca la forma antropomorfa delle seggioline. 

Ascrivibile anch’essa alla produzione di stanze da letto per bambini della ”Industria veneziana mobili laccati”, la Cameretta Pinocchio riproduce le celebri illustrazioni di Attilio Mussino (Torino 1878 - Cuneo 1954) per il Pinocchio di Collodi pubblicato nel 1911 dall’editore fiorentino Bemporad e vincitore quello stesso anno della medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Torino. Inserite negli sportelli dei mobili - in un suggestivo contrasto tra l’incisivo segno grafico di Mussino e il monocromo sfondo giallo - tali illustrazioni trovano una loro proiezione tridimensionale in alcuni rilievi e elementi aggettanti degli arredi. Questi inserti, che dinamizzano la linea squadrata dei mobili, si trovano sia sulla cimasa dell’armadio, da cui spunta un Pinocchio colto nell’atto di calarsi, sia sul lampadario, costituito da tre figure a tutto tondo del burattino che sorreggono tra le mani le lampadine. Particolarmente intrigante appare infine la sagoma della spalliera della seggiolina con i due profili della marionetta di legno congiunti tra loro attraverso il celebre naso allungato dalle bugie. Questo motivo iconografico, che rappresenta la più nota trasformazione fisiognomica di Pinocchio e che, nelle illustrazioni di Mussino, trovò un’incisiva accentuazione grafica, si ripete pure nella struttura del comodino.

Un’ampia varietà di materiali artistici accompagnano le due stanze. Dal punto di vista grafico, le riviste e i libri portano le firme dei principali illustratori per l’infanzia dell’epoca. Se Rubino si impone ancora con alcune delle sue creazioni più celebri - l’indimenticabile Viperetta (1920), Re Bifè (1922), Bestie per bene e Caro e Cora (entrambi 1928 c.) - si segnalano almeno Bruno Angoletta, presente con “Giro Giro Tondo”, il mensile e poi quindicinale fondato nel 1921 da Antonio Beltramelli per Mondadori, e Duilio Cambellotti, autore delle illustrazioni de I racconti di Sorella Orsetta (1920) di Térésah (pseudonimo di Corinna Teresa Gray Ubertis) e da sempre interessato all’illustrazione per l’infanzia, avendo a lungo lavorato per le scuole dell’Agro Romano nel tentativo di strappare i figli dei contadini all’ignoranza e allo sfruttamento.

In mostra si presentano ancora giochi, pupazzi, tessuti e un’originale altalena per due di produzione cecoslovacca in tubolare di acciaio cromato e legno dipinto, in cui uno dei giochi più antichi e comuni viene reinterpretato e modernizzato alla luce dello stile funzionalista che si stava affermando.

L’esposizione Le stanze della fantasia. Antonio Rubino e il mondo dell’infanzia è espressamente dedicata ai visitatori under 14 ed è “a misura di bambino” nel senso che intende fare capire all’odierno pubblico infantile cosa significò essere bambini nei due decenni centrali della prima metà del Novecento, per quelle generazioni che nacquero all’indomani della fine del primo conflitto mondiale e che entrarono nell’età adulta allo scoppio del secondo e vissero quindi in prima persona i tragici eventi ad esso correlati.

Le opere in mostra rappresentano una selezione di ciò che accompagnò l’infanzia e la crescita dei bambini tra le due guerre mondiali, privilegiando quei materiali artistici intesi a stimolare la fantasia e la creatività, i sogni e le paure del pubblico infantile, con in più alcuni riferimenti alla propaganda del regime, da sempre consapevole di quanto l’educazione fosse importante nel forgiare il perfetto cittadino fascista. 

La mostra, curata da Matteo Fochessati e Gianni Franzone, si avvale anche di alcuni prestiti provenienti dalla Galleria L’Image-Manifesti originali del XX secolo di Alassio e dall’Archivio Storico della Pubblicità di Genova. Si ringraziano Alessandro Bellenda, Francesco Calaminici e Anna Zunino per l’amichevole collaborazione.

Un particolare ringraziamento alla famiglia Lapadula, Roma, per la donazione della Cameretta Pinocchio.

L’esposizione è inserita nel calendario della rassegna Genova legge, organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e Teatro dell’Archivolto (14-24 novembre 2014).

Le stanze della fantasia. Antonio Rubino e il mondo dell’infanzia

Wolfsoniana, via Serra Gropallo 4, Genova Nervi

22 novembre – 7 giugno 2015

orari: invernale (novembre-marzo) dal martedì alla domenica 11.00 - 17.00 (lunedì chiuso); estivo (aprile-ottobre) dal martedì al venerdì 11.00 – 18.00; sabato-domenica 12.00 – 19.00 (lunedì chiuso)

ingressi: intero € 5, ridotto € 4, scuole € 3

Informazioni e prenotazioni:

tel. 010 3231329 – 8171653 - 8171654, info@wolfsoniana.it

www.wolfsoniana.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Dar corpo al corpo": la mostra alla Wolfsoniana di Nervi

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 26 settembre 2021
    • Wolfsoniana di Nervi
  • "L'Italia di Magnum: da Robert Capa a Paolo Pellegrin", la mostra al Ducale

    • dal 6 maggio al 18 luglio 2021
    • Palazzo Ducale
  • "Il Re Denaro": la mostra in cui le monete raccontano Genova fra arte, lusso e parsimonia

    • dal 27 maggio al 12 dicembre 2021
    • Musei di Strada Nuova

I più visti

  • "Staglieno delle meraviglie con il mio cucciolo": la visita guidata per chi ha un cane

    • solo oggi
    • 5 maggio 2021
    • Cimitero Monumentale di Staglieno
  • StraWoman: la Festa della Mamma si celebra con una grande corsa collettiva

    • dal 8 al 9 maggio 2021
  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Genova

    • dal 6 al 5 maggio 2021
    • Genova
  • Torna a Genova la Distinguished Gentleman's Ride: sfilata di moto per beneficenza

    • 23 maggio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento