"A tutto campo: un viaggio per immagini nel centro storico di Genova" di Furio Belloro

A Tutto Campo è un viaggio attraverso Genova e i suoi luoghi storici. 14 scatti di Furio Belloro ci conducono in un viaggio alla scoperta dei mille volti di una città che cattura, avvolge, coinvolge e svela i suoi volti più nascosti al visitatore attento a coglierne i particolarii destinati a suscitare stupore ed ammirazione.

Chiediamo a Laura Monferdini, responsabile contenuti del Museo per conto della Cooperativa Solidarietà e lavoro, che lo gestisce, di raccontarci le storie che sono dietro alle fotografie di Belloro.

Si parte dalla Lanterna, il simbolo della città, il faro che illumina il cammino dei naviganti e guida verso un porto sicuro. Seguono poi panoramiche visioni, luoghi dove la storia ha lasciato il segno come in Campo Pisano, triste luogo di deportazione dei prigionieri pisani dopo la sconfitta nella battaglia della Meloria (1284) o in Piazza Cavour con le vestigia della casa dell’ultimo boia di Genova conosciuta come “Casa di Agrippa”, un edificio risalente all’XI – XII secolo situato proprio di fronte all’ex mercato del pesce dove furono registrati gli indimenticabili cori dei venditori che chiudono Creuza de ma, da qui arrivare in Piazza Caricamento è un attimo per ammirare il maestoso Palazzo San Giorgio con la sua architettura che rispecchia epoche diverse.
Percorrendo a piedi il Centro Storico si raggiunge Piazza Valoria dove al n. 14 abitava Antonio Pavia, il fotografo che compilò l’indice completo dei partecipanti all’impresa dei Mille, si prosegue fino ad arrivare in Vico Dritto di Ponticello dove troviamo il Chiostro della Casa di Cristoforo Colombo e attraverso i vicoli ci si ritrova in Piazza Banchi di cui è in mostra una spettacolare quanto insolita veduta dall’alto e da qui diritti fino in Via del Campo, la strada dell’amore mercenario con le suggestioni legate alle canzoni immortali di Fabrizio De André sul Centro Storico da lui tanto amato e alla musica dei suoi artisti per concludere il “viaggio” in Vico delle Carabaghe ed uscire da Porta Soprana o di Sant’Andrea, immagini di una Genova del peccato a pochi passi dal “salotto buono” di Piazza De Ferrari, uno dei simboli del potere cittadino».

Un viaggio che si apre con la Lanterna e con la sua luce di speranza si chiude.

Furio Belloro è Iscritto al Circolo fotografico “36° Fotogramma” di Pegli, luogo di nascita di Fabrizio De André, Furio Belloro, da anni uno dei fotografi più vicini a viadelcampo29rosso – casa dei cantautori genovesi, coltiva la sua passione per la fotografia da molti anni con una particolare predilezione per gli scatti raccolti durante i suoi viaggi per il mondo, perché Furio è un “viaggiatore”.

Ha partecipato nel corso della sua carriera di fotografo “amatoriale” a numerose iniziative e mostre organizzate presso la sede del “36° Fotogramma” in Via Carloforte nella delegazione del ponente ligure; ha esposto i suoi scatti in prestigiose location genovesi quali tra le altre il Museo di S. e Palazzo Ducale, in quest’ultimo nell'ambito della mostra “Donna Faber”, realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Genova, del Laboratorio di Sociologia Visuale e patrocinata dal Comune di Genova.

Viadelcampo29rosso0022, ha ospitato nella Saletta Mostre Temporanee dello spazio museo di Via del Campo la sua mostra “Quattro passi nel centro storico” (2015), madrina d'eccezione Dori Ghezzi nel giorno dell'intitolazione dell’ex Piazza Princesa a Don Andrea Gallo nel cuore dell’antico Ghetto Ebraico di Genova alle spalle di Via del Campo. E’ seguita poi “People” - I nuovi volti di Genova” (2016), tenuta a battesimo da un big della musica italiana come Vittorio De Scalzi.

Con il 2020 oltre a tutti gli scatti sul “campo” dedicati ai prestigiosi eventi fatti prima del lockdown con Cristiano De André e del Compleanno Faber e a quelli dal 13 giugno ad oggi con gli eventi in Piazza del Campo per l’animazione culturale pacifica e gratuita della piazzetta nel cuore della “Città Vecchia” di Fabrizio De André, eccoci alla stagione di “A Tutto Campo”, scatti del Centro Storico di Genova e della Superba che “animeranno” il corridoio d’ingresso al Museo con 14 suggestive immagini di Furio Belloro esposte a partire dall’11 Ottobre. nello spazio di proprietà del Comune di Genova e gestito dal 2012 dalla Cooperativa Solidarietà e Lavoro.

“Padrino” della mostra Carlo Denei, cabarettista, cantautore, attore, scrittore, autore televisivo (Striscia la Notizia).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Genova si trasforma in un museo a cielo aperto con la mostra "Una sfera tra i due mondi"

    • Gratis
    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
  • "Obey fidelity. The art of Shepard Fairey" la mostra al Ducale (con il celebre "Hope")

    • dal 4 luglio al 1 novembre 2020
    • Palazzo Ducale
  • Michelangelo Divino Artista: la mostra al Ducale tra sculture e disegni originali

    • dal 21 ottobre 2020 al 14 febbraio 2021
    • Palazzo Ducale

I più visti

  • Genova si trasforma in un museo a cielo aperto con la mostra "Una sfera tra i due mondi"

    • Gratis
    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
  • RINVIATO - Halloween, avventura sotterranea e cena "con i Mangiamorte" per i fan di Harry Potter

    • dal 31 ottobre al 1 novembre 2020
    • Miniera di Gambatesa
  • Ripartono le escursioni alla scoperta dei cavalli in libertà del Parco dell'Aveto

    • dal 31 maggio al 27 dicembre 2020
  • "Obey fidelity. The art of Shepard Fairey" la mostra al Ducale (con il celebre "Hope")

    • dal 4 luglio al 1 novembre 2020
    • Palazzo Ducale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    GenovaToday è in caricamento