La lanterna finisce sotto spirito

Sarà miniaturizzata, in vetro artistico muranese e bagnata da una selezionata grappa proveniente dalle colline di Conegliano, nel trevigiano. Anche il simbolo di Genova diventa un prodotto della Distilleria Bottega di San Fior

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Sarà miniaturizzata, in vetro artistico muranese e bagnata da una selezionata grappa proveniente dalle colline di Conegliano, nel trevigiano. Anche la Lanterna, simbolo di Genova, verrà inserito, così, in un contesto commerciale da parte della Distilleria Bottega di San Fior, azienda che da svariati anni è sul mercato nazionale ed estero con una vasta gamma di prodotti come distillati, vini eccellenti e altre tipologie di bevanda alcolica. L'idea viene dalla mente del patron della società trevigiana, Sandro Bottega, che ha così deciso di ringraziare tutti gli abitanti della provincia e della Liguria intera per la stima riscossa nel corso degli anni nei confronti di alcuni prodotti realizzati dall'azienda stessa, in questo caso il prosecco Bottega Gold e la grappa Gianduia. Secondo gli ultimi dati emersi, relativi al consumio di distillati d'autore in Italia, il capoluogo ligure assieme ad altre importanti centri urbani della regione e di altri importanti centri urbani del paese, risultano tra le prime posizionì, cosa assolutamente inaspettata e gradita dai vertici aziendali. "Siamo ben felici di poter immettere a Genova, in tutta Italia e anche in alcuni paesi esteri, questa creazione, dedicata al simbolo più significativo dell'area, che suirà un'altra creazione dedicata a Genova qualche anno orsono, la grappa con la nave", ha spiegato Sandro Bottega. Le bottiglie saranno reperibili dal prossimo gennaio all'interno di enoteche, ristoranti e strutture alberghiere. Inoltre, l'azienda veneta sta commercializzando in queste settimane anche una bottilgia di prosecco Wish for Japan, con lo scopo di raccogliere fondi per la realizzazione di nuove strutture nei luoghi colpiti dal terremoto dello scorso anno, proprio in Giappone.

Torna su
GenovaToday è in caricamento