"Eroiche": incontro con la leader delle Femen Inna Shevchenko

Giovedì 27 febbraio alle 18.30 Book Morning ospita Inna Shevchenko, leader del movimento Femen.

Accompagnata dalla giornalista Monica Lanfranco, racconterà il suo ultimo libro "Eroiche. Amazzoni, Peccatrici, Rivoluzionarie" edito in Italia dalla Giulio Perrone Editore: un viaggio attraverso i profili delle grandi donne che l'hanno appassionata e ispirata nella sua lotta, da Maria Botchkareva a Sailor Moon.

La traduzione dell'incontro per tutto il pubblico sarà a cura di Ilaria Stoppa di Parole Migranti.

Il libro

Inna Shevchenko ha un destino fuori dal comune. Nata in una famiglia della classe media ucraina, è, a soli 28 anni, la leader del movimento internazionale Femen. Dopo dieci anni di attivismo femminista, ha deciso di rendere omaggio a quelle donne che l’hanno aiutata a demolire le imposizioni della società patriarcale.

In "Eroiche", racconta i personaggi che l’hanno portata a questa liberazione. Alcune, come Sailor Moon o Maria Botchkareva, le hanno fatto capire la forza delle donne. Altre, come Eva, l’hanno spinta a rifiutare la morale religiosa sessista e a mordere il frutto della conoscenza. Inès Arman, Nellie Bly e altre, giornaliste, ingegnere o politiche, le hanno dimostrato che le donne hanno gli stessi talenti degli uomini e meritano di far sentire la loro voce. Con questi frammenti personali e impegnati, Inna Shevchenko ci accompagna sulle tracce dei modelli femminili che le hanno permesso di costruire le sue idee e ci coinvolge nella rivoluzione delle donne.

Inna Shevchenko

Inna Shevchenko è attivista politica per i diritti delle donne. Sequestrata e minacciata dal KGB bielorusso nel 2011, ha ottenuto asilo politico in Francia dopo essere stata perseguitata anche in Ucraina. Laureata in Giornalismo e Diritti umani, partecipa a conferenze e scrive per la stampa internazionale.

Ha partecipato alla stesura del Manifeste Femen (Utopia, 2015) e Rébellion (Éditions des femmes, 2017). È inoltre autrice, insieme a Pauline Hillier, di Anatomia dell'oppressione (Ananke, 2018). Ha vinto il Prix de la Laïcité a novembre del 2017, a Parigi.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • L'Acquasola diventa un ristorante a cielo aperto: il menu completo, i locali, come prenotare

    • dal 1 settembre al 31 ottobre 2020
    • Parco dell'Acquasola
  • Genova si trasforma in un museo a cielo aperto con la mostra "Una sfera tra i due mondi"

    • Gratis
    • dal 16 settembre al 30 novembre 2020
  • Ripartono le escursioni alla scoperta dei cavalli in libertà del Parco dell'Aveto

    • dal 31 maggio al 27 dicembre 2020
  • "Obey fidelity. The art of Shepard Fairey" la mostra al Ducale (con il celebre "Hope")

    • dal 4 luglio al 1 novembre 2020
    • Palazzo Ducale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    GenovaToday è in caricamento