Zones Portuaires: il festival tra città e porti

  • Dove
    varie location
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 10/09/2015 al 12/09/2015
    16
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Genova sarà, dal 10 al 12 settembre, il palcoscenico del Festival Zones portuaires, dove si succederanno proiezioni, incontri, musica, conferenze, esposizioni, arte e letteratura dedicati al rapporto unico, ma spesso difficile, delle città portuali con il proprio porto.

Questi tre giorni saranno un’anteprima dell’evento del 2016, quando la nostra città sarà ospite d’onore del Festival a Marsiglia, città dove è nato nel 2012 e dove si è svolto negli ultimi quattro anni. Una manifestazione che vuole far superare gli stereotipi ideologici che accompagnano l’idea di porto, abbattendo i recinti mentali che spesso tengono lontane le persone.

Il rapporto tra la città e il suo porto «è un tema di estremo interesse, di attualità e fascino - dice l’assessore allo Sviluppo Economico del Comune Emanuele Piazza - perché spesso le città e i porti sono divise da barriere fisiche, ma non solo: anche di relazione. A Genova si è cercato di superare questa divisione, di unire il porto alla città, un rapporto fondamentale per il nostro sviluppo economico, ma anche culturale e creativo».

Nel 1992 la visione dell’architetto Renzo Piano ha restituito alla città la fruibilità di un ulteriore spazio, il Porto Antico, per riproiettarla verso la sua vocazione turistico culturale.

Ma il porto non è solo attività economica, «può essere un ulteriore elemento di sviluppo - continua l’assessore - e della possibilità di immaginare una città nuova. L’amministrazione ha tanti progetti, ma in primis l’attuazione del Blue Print, il progetto sempre di Renzo Piano la cui realizzazione porterebbe a stabilire un nuovo rapporto tra la città e il suo waterfront. L’area delle riparazioni navali, il nuovo polo fieristico, sono elementi di grande valore per quello che riguarda la vita dei cittadini».

Il Festival sarà un’edizione itinerante tra il Parco della Lanterna e l’area di confine tra città e porto che include il Galata Museo del Mare, la Scuola di Economia dell'Università di Genova, il retroporto di Prè, l’Ex Silos Granai Hennebique e Ponte Parodi con i suoi edifici in attesa di riuso.

Un programma intenso e pensato per promuovere una maggiore accessibilità dell'area portuale. Saranno momenti di scoperta inusuali o del tutto eccezionali: la visita alla centrale termoelettrica ENEL, le uscite Ormeggia la nave! in collaborazione con il Gruppo antichi ormeggiatori del Porto di Genova, la passeggiata A piedi nudi nel porto nel corso della quale sarà possibile incontrare i marittimi impegnati sulle navi ormeggiate a Genova.

Altri appuntamenti previsti: l'ingresso al museo della Lanterna, dove per l'occasione sono allestite le mostre Camalli a cura della Compagnia Unica e #shootyourport; le visite al Galata Museo del Mare con il sottomarino Nazario Sauro, e il MEM Memorie e Migrazioni; le visite al Museoteatro della Commenda di Prè; l'iniziativa Prova la vela! che permetterà, dopo una visita alla sala velieri del Galata Museo del Mare, di imparare le prime regole per condurre una barca a vela nel suggestivo scenario del porto di Genova.

Venerdì 11 settembre alle ore 15 al centro del programma è previsto il convegno “Porto e città: un incontro possibile”. L'incontro si terrà al dipartimento di Economia dell’Università di Genova, nell'occasione si cercherà di fare il punto sul cambiamento dei porti, con riferimento anche al nuovo Piano Regolatore Portuale.
Ne parleranno: Emanuele Piazza assessore Sviluppo economico del Comune di Genova, Luigi Merlo, presidente Autorità Portuale, Carmen Andriani architetto, docente del Lab. di Progettazione architettonica,Giovanna Rosso Del Brenna docente di Archeologia industriale, Giorgio Parodi consigliere Ordine degli Architetti, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della Prov. di Genova, Enrico Musso docente di Economia dei trasporti, Andrea Rocco di Genova Liguria Film Commission e gli organizzatori del festivalEmmanuel VigneSandrine Floc'hMaria Elena Buslacchi, Maria Pina Usai.

L’ideazione, la direzione artistica e il cordinamento del Festival Zones Portuaires è di Emmanuel Vigne e Olivia Ribot, la progettazione e il coordinamento dell’edizione di Genova è di Maria Elena Buslacchi e Maria Pina Usai. Partner del progetto:U-BOOT, GIOVANI URBANISTI – FONDAZIONE LABò.

Il Programma

E’ patrocinato da:
Institut français - Ambasciata Francese a Roma, Autorità Portuale di Genova, Ordine degli architetti, paesaggisti, pianificatori, conservatori della Provincia di Genova, Comune di Genova: Municipio I – Centro Est , Municipio II – Centro Ovest, Università degli studi di Genova, Compagnia unica lavoratori merci varie, CRAL Luigi Rum.

Hanno collaborato alla sua realizzazione a Genova:
Mu.MA. – Istituzione Musei del Mare e delle Migrazioni, Associazione Promotori Musei del Mare e della Navigazione onlus, Cooperativa Solidarietà e Lavoro, Costa Edutainment, Lanterna di Genova - Parco, Museo e Faro, Alliance Francaise, CULMV, CRAL Luigi Rum, Fondazione Ordine degli Architetti della Provincia di Genova, PAGE Public Art in Genoa -arte pubblica nello spazio urbano, HolaBoat - Boat Sharing Experience, Centro velico interforze, Genova-Liguria Film Commission, Gruppo antichi ormeggiatori del Porto di Genova - Stella Maris, Assagenti  Instagramers Genova, SACS Fotografia, Agenda del Teatro, Terminal Traghetti, Libreria L'amico ritrovato e la Centrale ENEL.

E’ sponsor del progetto l’Università Italo - Francese

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Cinema aperti con il nuovo film di Woody Allen dal 6 maggio nelle migliori sale di Genova

    • dal 6 al 31 maggio 2021
    • Genova
  • StraWoman: la Festa della Mamma si celebra con una grande corsa collettiva

    • oggi e domani
    • dal 8 al 9 maggio 2021
  • L'Azalea della Ricerca in piazza a Genova per la Festa della Mamma: il ricavato all'Airc

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
  • Chiavari in Fiore: la 18esima edizione della mostra-mercato torna a maggio

    • Gratis
    • dal 15 al 16 maggio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento