«Che futuro per il pianeta?», al Ducale la carica dei "visionari" under 35

La terza edizione dei Visionary Days si terrà il 23 novembre in contemporanea a Genova e a Torino, dove interverrà anche il ministro Spadafora: 10 ore di confronto per cercare di trovare soluzioni per salvare la Terra e le sue risorse

Millecinquecento giovani visionari sotto i 35 anni, 120 tavoli e 10 ore di confronto per tentare di rispondere a una domanda: “Quali Forme per il Prossimo Pianeta?”. Questo il tema della terza edizione dei Visionari Days, che quest’anno si svolgerà per la prima volta contemporaneamente in due città, a Genova e a Torino, sabato 23 novembre.

A Genova, la location scelta è Palazzo Ducale. I partecipanti, distribuiti su 120 tavoli guidati ognuno da un moderatore, si confronteranno sui temi in programma lungo tutta la giornata. I risultati verranno mappati, aggregati ed elaborati in tempo reale grazie al contributo di Lee, l’Intelligenza Artificiale di Visionary Days, una piattaforma tecnologica che connette virtualmente tutti i tavoli, elaborando in simultanea gli output ricevuti da ognuno di essi e restituendone una visualizzazione immediata attraverso gli schermi della sala. Lee darà un’unica forma alla voce dei Visionari e contribuirà a fissarla in un Manifesto, che verrà stampato e consegnato a tutti i partecipanti alla fine della giornata. 

«Per mantenere l’attuale stile di produzione e di vita un solo pianeta non è sufficiente, ne servirebbe, secondo il rapporto del Global Footprint Network, 1,7, ovvero un’altra Terra - spiegano gli organizzatori - Cosa succederà fra 30 anni, quando saremo in 9 miliardi di abitanti?».

Secondo la visione strategica a lungo termine della Commissione Europea, il 2050 dovrà essere il punto di arrivo per avere un’Europa prospera, moderna, competitiva e climaticamente neutra. Visionary Days prevede quattro sessioni di confronto su ognuno dei due palchi di Torino e Genova, che saranno introdotte dalle riflessioni di speaker d’eccezione. Per parlare di Risorse – l’economia mondiale consuma ogni anno quasi 93 miliardi di tonnellate di materie prime ma appena il 9% proviene da fonti riciclate – interverranno Gabriella Greison, ideatrice del Festival della Fisica, scrittrice, autrice e attrice teatrale italiana, e Stefano Bertacchi, biotecnologo, ricercatore e divulgatore sulla sintesi delle plastiche biodegradabili. 

Di Abitanti, con la crescita della popolazione mondiale che vede i tassi di incremento maggiore attesi nei prossimi anni nei Paesi più poveri, parleranno Duccio Canestrini, antropologo e divulgatore scientifico, e Nicola Zanardi, CEO di Hublab e ideatore della Milano Digital Week. Molti dei beni o dei manufatti che usiamo tutti i giorni possiedono in realtà uno scarso tasso di utilizzo.

Di come ridurre gli sprechi ed efficentare i consumi si parlerà in Economie, introdotti da Eleonora Rizzuto, presidente e fondatrice di AISEC (Associazione Italiana per lo Sviluppo dell’Economia Circolare) e direttrice di sustainable development per LVMH e Margherita Pagani, imprenditrice digitale ed esperta di social impact. Infine, con Nuova Terra lo sguardo si sposterà ai nuovi mondi che l’umanità mira a raggiungere nel prossimo futuro con il volo spaziale, insieme ad Amedeo Balbi, astrofisico, divulgatore scientifico e saggista, e a Franco Malerba, astronauta e primo italiano inviato nello spazio.

Due ulteriori sessioni verranno dedicate alla discussione sulle smart cities, grazie agli interventi di Paul Kapteijn, senior manager di Reply e Maria Francesca Silva, ingegnere esperta in rigenerazione urbana, e sulle tematiche della e-mobility, con Daniele Lucà, responsabile di e-Mobility Business Development FCA region Emea e Giorgio Neri, responsabile di Fiat 500 family in FCA region EMEA prima di lasciare spazio alle contaminazioni: racconti utili a immaginare la vita delle nostre comunità nel 2050. A Torino interverrà Linda Raimondo, divulgatrice scientifica per RaiGulp e futura apprendista al Marshall Space Flight Center; a Genova, Gian Enzo Duci, presidente di Federagenti e del Teatro nazionale di Genova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della giornata salirà sul palco della Sala delle Fucine delle OGR a Torino, in collegamento con Genova, il ministro alle Politiche Giovanili, Vincenzo Spadafora, che, accompagnato dalla giornalista Cecilia Sala, dialogherà con i giovani visionari raccogliendo gli spunti e le riflessioni maturati nel corso dell’evento nei tavoli di lavoro e organizzati dall’IA Lee.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Autostrade, concluse le ispezioni nelle gallerie; diventano gratis 150 km

  • Lite fra sorelle, la polizia scopre piante di marijuana nell'orto

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento