rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cultura Pegli

Santa Rosalia e la pestilenza: perché la Santa è patrona di Pegli

I racconti popolari parlano del culto trasmesso a Pegli da mercanti e marinai siciliani

Cos'hanno in comune Pegli e Palermo, oltre il mare? La risposta è semplice: la devozione nei confronti di Santa Rosalia, vissuta nel 1100 e festeggiata proprio in questi giorni dalla delegazione genovese.

Ma perchè la Santa, dal 1673, è patrona di Pegli? 

Una spiegazione può essere data dal fatto che, in quel periodo, un membro della famiglia Doria divenne Arcivescovo di Palermo, e importò a Genova il culto della Santa. Ma c'è anche un'altra leggenda legata al male dell'epoca, la peste nera.

Torniamo a Palermo per un attimo, dove si dice che - a inizio '600 - la prima processione con le reliquie di Santa Rosalia fermò una grave epidemia di peste. 

La voce si sparse e - visti i legami politici e commerciali di Genova con la Sicilia - i racconti di pescatori, commercianti e marinai siciliani arrivarono nella Superba prima che in altre città. Proprio nella seconda metà del '600, anche Genova - e in particolare il ponente - venne colpita dalla peste nera. Fu così che, ricordandosi i racconti dei siciliani, anche i genovesi iniziarono a venerare la Santa, sperando di fermare l'epidemia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Rosalia e la pestilenza: perché la Santa è patrona di Pegli

GenovaToday è in caricamento