rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cultura Piazza de Ferrari Raffaele

Impressionisti da record, in 250mila al Ducale per i capolavori di Detroit

Si chiude con un bilancio più che positivo l'esposizione dedicata ai maestri dell'Impressionismo, la più visitata d'Italia nelle ultime settimane con 1.300 visitatori al giorno

Si chiude con un bilancio più che positivo la mostra ‘Dagli Impressionisti a Picasso’, la raccolta dei capolavori provenienti dal Detroit Institute of Arts in scena a Palazzo Ducale sino a domenica 10 aprile: l’esposizione, che aveva inaugurato lo scorso 24 settembre ed era stata prolungata alla luce dell’afflusso di richieste e visitatori, ha registrato 250mila presenze, un record raggiunto anche grazie alle offerte culturali “collaterali” che la città ha proposto ai turisti nei mesi scorsi.

Gli ultimi weekend, in particolare, hanno totalizzato un vero e proprio boom di turisti e non solo, complice il primo appuntamento con i Rolli Days e quello con ‘La Storia in Piazza’, con un’edizione dedicata ai “consumi culturali” composta di 46 eventi, incontri e laboratori tra cui il gran finale di ieri, affollatissimo, con lo scrittore di best-seller Ken Follett

La mostra degli Impressionisti, nel panorama culturale cittadino, è rimasta però un caposaldo: 1.300 le presenze medie giornaliere, 20.000 quelle delle ultime settimane (è la mostra più visitata in Italia), con Palazzo Ducale che da settembre ad aprile ha accolto quasi 600mila persone, 350mila dei quali paganti.

E la speranza è che il trend positivo prosegua nelle prossime settimane, grazie anche a’ Genesi’, la mostra sulle opere del fotografo brasiliano Sebastião Salgado, allestita sino al 26 lungo nel Sottoporticato del Ducale, e l’imminente inaugurazione, fissata per il 30 aprile, dell’esposizione dedicata all’artista ceco Alfons Mucha, maestro della Belle Epoque, visitabile sino al 30 settembre.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impressionisti da record, in 250mila al Ducale per i capolavori di Detroit

GenovaToday è in caricamento