rotate-mobile
Cultura

La proposta di Italia Nostra: «I Forti di Genova diventino patrimonio Unesco»

L'associazione di salvaguardia di beni artistici, culturali e nazionali candida la cinta muraria seicentesca e le fortificazioni cittadine per l'Unesco World Heritage List

I forti di Genova, già patrimonio della città, diventino patrimonio Unesco: è questa la proposta di Italia Nostra, per cui i 19 km delle Mura Nuove seicentesche (la cinta più lunga d’Europa, seconda al mondo solo alla Grande Muraglia Cinese) e le fortificazioni dovrebbero entrare a far parte dell’Unesco World Heritage List «in quanto beni culturali territoriali di notevole significato storico, urbanistico e paesaggistico, ancora presenti - abbastanza integri - in patria e nei domini di Terraferma e d’Oltremare della Repubblica di Genova».

L’associazione nazionale che da anni si occupa di salvaguardia di beni artistici, culturali e naturali ha portato l’esempio delle Mura di Bergamo e delle fortificazioni della Repubblica Serenissima di Venezia, riconosciute lo scorso 9 luglio come patrimonio mondiale, facendosi promotrice della candidatura a livello europeo: «Le fortificazioni della Repubblica di Genova, di cui restano ampie testimonianze sul territorio ligure, nel Mediterraneo e nel Mar Nero, rappresentano un patrimonio monumentale unico dal punto di vista storico, architettonico e paesaggistico, tale da poter aspirare anch’esso al riconoscimento Unesco. La candidatura espressa dalla nostra associazione - ha spiegato Federico Anghelé, consigliere nazionale e della sezione di Genova di Italia Nostra - innescherà un serio processo di lavoro e di impegno, che prevediamo durare anni, per studiare, restaurare e valorizzare uno straordinario patrimonio che non riguarda solo Genova, ma numerosi altri siti che vanno da Porto Venere alla Spezia, da Bonifacio in Corsica a Tabarca in Tunisia e poi al quartiere di Pera a Istanbul, fino alle storiche colonie nell’Egeo (Chios) e nel Mar Nero (Caffa)».

Italia Nostra ha annunciato l’intenzione di avviare una ricerca transnazionale sulle fortificazioni genovesi finanziata dall’Unione Europea avvalendosi della collaborazione di studiosi e giovani ricercatori universitari: «La ricerca storica paesaggistica e urbanistica sulle Fortificazioni, estese ai domini genovesi d’Oltremare, è l’occasione politico-culturale che Italia Nostra ha di riaffermare con forza gli esiti straordinari che possono derivare alla città contemporanea da un’oculata politica urbanistica di tutela - conclude l’associazione - e da progetti lungimiranti di restauro conservativo, ambientale e  territoriale, laddove monumenti straordinari ritornino protagonisti della originaria forma urbis e della sua sostenibile proiezione nel futuro».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La proposta di Italia Nostra: «I Forti di Genova diventino patrimonio Unesco»

GenovaToday è in caricamento