menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'origine di Boccadasse tra leggende e realtà

È uno degli angoli più amati e fotografati di tutta Genova: sembra che il borgo sia stato fondato nell'anno mille da alcuni pescatori spagnoli

Boccadasse è un gioiellino in città: in questo piccolo borgo marinaro in pieno centro sembra che il tempo si sia fermato, e non a caso si tratta di uno degli angoli più amati e fotografati di Genova, con le casette colorate, la spiaggia, le barche dei pescatori, tutto come una volta, a due passi dai palazzi. A Boccadasse sono state dedicate anche poesie (Boccadaze di Edoardo Firpo) canzoni (Boccadasse di Gino Paoli e Ornella Vanoni) e citazioni in diversi libri (la fidanzata genovese del commissario Montalbano, nei libri di Andrea Camilleri, abita proprio a Boccadasse).

Ma qual è l'origine di questo magnifico angolino? Secondo una leggenda, il borgo sarebbe stato fondato intorno all'anno mille da alcuni pescatori spagnoli che - scappando da una terribile tempesta - trovarono rifugio in questa insenatura. 

Tra l'altro, dal nome del loro capitano (De Odero o Donderos, secondo le fonti più accreditate) deriverebbe il cognome Dodero, tuttora diffuso in città.

Anche l'origine del nome "Boccadasse" è incerta, e sul tema esistono più leggende a confronto: secondo quella più conosciuta, il nome deriverebbe dalla forma della piccola baia, simile alla bocca di un asino (bocca d'aze). Ma ci sono anche altre ipotesi tra cui quella che fa riferimento al torrente "asse" che un tempo scorreva dove si trova via Boccadasse e che - dopo aver alimentato lavatoi e fontane - sfociava in mare proprio nel centro del borgo. Un'altra ipotesi ancora fa capo al nome di un antico proprietario della zona, Guglielmo Boccadassino.

Boccadasse anticamente (fino all'800) faceva parte del comune di San Francesco d'Albaro, ed era il suo sbocco sul mare. Nel 1873, alcuni comuni tra cui questo, vennero accorpati a Genova.

Si narra anche che - dal nome del borgo - sia derivato quello del quartiere di Buenos Aires "la Boca", abitato da immigrati di origine genovese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento