Body Worlds, le immagini della mostra con i cadaveri plastinati - FOTO

Il primo weekend per la mostra, ospitata ai Magazzini del Cotone, è stato un successo: tante le persone (e i bambini) che hanno deciso di fare un tuffo nella scienza visitando questa esposizione molto particolare, con cadaveri veri conservati con la tecnica della plastinazione

Come funziona il corpo umano? Una domanda che tante illustrazioni e riproduzioni cercano di spiegare, e a cui la mostra "Body Worlds" risponde in modo del tutto innovativo. Ovvero? Mostrando corpi umani veri, conservati con la tecnica della plastinazione.

E così tantissimi visitatori (40 milioni nel mondo) hanno potuto vedere probabilmente per la prima volta in vita loro cosa succede veramente ai polmoni dei fumatori, a un cervello colpito da morbo di Alzheimer, a un fegato con cirrosi epatica, alle ossa con l'osteoporosi, assecondando l'innata curiosità di scoprire come siamo fatti.

La mostra è ospitata dal 18 febbraio ai Magazzini del Cotone di Genova, e il primo weekend è trascorso con tantissimi visitatori di ogni età arrivati da tutta la regione: nonostante l'argomento sia molto discusso (l'idea di una mostra con cadaveri veri ha diviso l'opinione pubblica), tantissimi bambini sono arrivati al Porto Antico accompagnati dai genitori per una visita istruttiva. L'organizzazione della mostra, infatti, non pone limiti di età.

Oltre ad osservare i cambiamenti del corpo umano con l'età e le varie patologie, i visitatori hanno potuto dare un'occhiata ai vari apparati del corpo umano, accompagnati da schede descrittive che ne spiegano, passo per passo, il funzionamento, e tramite i corpi collocati in varie posizioni (il pensatore, i pattinatori sul ghiaccio, il pompiere che porta in salvo una persona) il pubblico ha potuto osservare il funzionamento dei muscoli a seconda dell'intensità dello sforzo.

I cadaveri sono stati donati da volontari anonimi che - ancora in vita - hanno deciso di donare il loro corpo al progetto di "Body Worlds".  La tecnica con cui sono stati conservati, la plastinazione, è stata inventata e brevettata da Gunther Von Hagens dell'Università di Heidelberg, con una ricerca iniziata nel 1977: i fluidi corporei e i grassi solubili sono estratti dai corpi, per impedirne la decomposizione, e sostituiti con resine ed elastometri come il caucciù siliconico e l'eposside, che poi vengono polimerizzate grazie all'azione del gas, della luce o del calore.

Per visualizzare tutte le foto di GenovaToday, cliccare sul nome della gallery.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

Torna su
GenovaToday è in caricamento