menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

De Ferrari: canti, danze e auguri per l'accensione dell'albero di Natale

La cerimonia si è tenuta in una piazza gremita di persone, accorse per sentire i canti del Coro Monte Cauriol e per assistere al tradizionale appuntamento che accende le feste genovesi

Giornata di festa oggi nel capoluogo ligure per l’accensione dell’albero di Natale, il tradizionale appuntamento che segna l’inizio ufficiale delle feste natalizie: in una piazza De Ferrari gremita di gente, alle 17 in punto il vicesindaco Stefano Bernini e il presidente del Parco dell’Aveto, Michele Focacci, hanno augurato buone feste a tutti i genovesi, facendosi aiutare dai bimbi a illuminare l’abete alto 12 metri proveniente proprio dai boschi dell’Aveto.

Un’occasione speciale, ha detto Bernini, per ricordare Genova come «città aperta e solidale” e scambiarsi un abbraccio sotto i rami illuminati. La cerimonia di accensione è stata introdotta dalle voci del Coro Monte Cauriol, diretto dal maestro Massimo Corso, che si è esibito sulle note di canti tradizionali, ed è stata seguita dalle danze del Gruppo Folklorico Città di Genova.

Tantissime le persone che già a partire dalle 16 si sono riunite sotto l’albero di De Ferrari per assistere alla cerimonia, e che si sono unite al “countdown” per l’accensione. Da parte del presidente del Parco dell’Aveto, infine, una rassicurazione: l’abete donato non è stato tagliato appositamente per addobbare De Ferrari, ma era un esemplare già destinato al taglio, come vogliono le politiche forestali del Parco e le necessità di “pulizia” del bosco, e nessuna pianta è stata dunque “sacrificata” per il Natale genovese.

Guarda il video dell'accensione dell'albero

«Questo è un abete bianco, e noi tutti gli anni tagliamo alcuni esemplari per far respirare il bosco - ha spiegato Focacci - Come Parco siamo fieri di donare questo albero, per me in doppia veste, perché è stato tagliato nella foresta del monte Penna, io vivo a Santo Stefano d'Aveto, ma sono nato a Genova, e per me è una doppia soddisfazione».

E a segnare l'inizio ufficiale della stagione natalizia ha pensato anche un altro evento andato in scena oggi nel capoluogo ligure, e cioè il tradizionale corteo storico per l’inaugurazione del Mercatino di San Nicola di piazza Piccapietra, con sbandieratori, balestrieri e membri di tredici gruppi storici che hanno sfilato da Piazza Matteotti sino alla sede del mercatino, dove don Nicolò Anselmi, vescovo della curia genovese, ha tagliato il nastro tricolore e aperto ufficialmente il Mercatino. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, Toti: «Riaperture dal 20 aprile, ci sono le condizioni»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento