Roberto Tiranti festeggia i 25 anni di carriera con big della musica

40/25, ovvero 40 anni appena compiuti e 25 anni di attività, questi i numeri di Roberto Tiranti la cui voce sarà protagonista sabato 11 gennaio, a partire dalle ore 21, al Teatro Politeama Genovese in Via Nicolò Bacicalupo, 2. Non un amarcord ma un viaggio attraverso i principali episodi musicali della vita del cantante, uno spettacolo quindi versatile, a tratti sorprendente, specchio di una vita dedicata alla musica e al canto. Tante le contaminazioni, molti gli amici che interverranno sul palco: Stef Burns, Bob Callero, Irene Fornaciari, i Labyrinth, Max Marcolini, Moses, Rocco Tanica, Mangala Vallis, Vanexa e Marco Zoccheddu. Di rilievo anche la band formata da amici di vecchia data: Aldo De Scalzi (tastiere, chitarre, strumenti a fiato), Andrea Maddalone (programmazione), Roberto Maragliano (chitarra) e Massimo Trigona (batteria). Immagini e filmati - cover e inediti - arricchiranno e completeranno l'esibizione per renderla non solo un concerto, ma un'esperienza più completa e unica per il pubblico.

Roberto Tiranti, classe 1973, muove i primi passi nel mondo della musica nel 1988, esibendosi nei locali e studiando tecnica vocale e teoria musicale per passare poi allo studio del canto lirico sia in Conservatorio sia presso il Maestro Ottavio Garaventa. Da circa 15 anni è attivo anche sulla scena musicale nazionale e internazionale. Dal 1996 al 2002 ha fatto parte del celebre gruppo New Trolls e dal 1997 è il cantante della band Labyrinth con cui ha realizzato 7 album e tour europei ed extra europei. Attualmente è anche il cantante e bassista della prog band Mangala Vallis, della rock band A Perfect Day e della Stef Burns League, il progetto solista del chitarrista californiano di Vasco Rossi. Dal gennaio 2013 è stato scelto da Ken Hensley, membro fondatore degli storici Uriah Heep, per completare la sua band i Ken Hensley Live Fire.

Il ricavato dello spettacolo 40/25 sarà devoluto in beneficenza all'Associazione Leonardo Onlus, che si occupa di bimbi affetti da gravi patologie tumorali e servirà per finalizzare la ristrutturazione del day hospital di pediatria 4 dell'istituto Giannina Gaslini di Genova. Da sempre Roberto Tiranti supporta enti ed associazioni che si occupano dei problemi legati all'infanzia. Dal 2009 infatti collabora con l'associazione Cresci di Savona.

Il biglietto, del costo di 20 euro, è acquistabile online sul sito overjoy.clappit.com o recandosi presso Genova Dischi (ex Orlandini) di piazza Soziglia 110 R. Lo spettacolo è organizzato dall'Associazione Overjoy, attiva dal 2012, che ha come scopo principale quello di promuovere eventi culturali con il desiderio e l'obiettivo di poter essere utili al prossimo. Nascono così iniziative musicali i cui proventi sono destinati a progetti ben definiti: nel 2012 sempre in collaborazione con l'associazione Leonardo Onlus sono stati acquistati dei veicoli per l'assistenza domiciliare pediatrica dell'Istituto Giannina Gaslini. La scorsa estate con il sostegno del Comune di Santa Margherita Ligure l'associazione ha sostenuto Il Melograno Onlus, realtà senza fini di lucro che gestisce il servizio di tredici minialloggi, siti in Santa Margherita Ligure, messi a disposizione delle famiglie in disagio abitativo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mercato dei Produttori, a Genova i prodotti tipici delle vallate

    • Gratis
    • dal 6 febbraio al 7 marzo 2021
    • Eataly
  • Genova in nero: alla scoperta della città attraverso misteri e delitti

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • MaddAlive
  • "San Valentino... innamorati a Camogli": il programma dell'edizione 2021, le novità, cosa sarà possibile fare

    • Gratis
    • dal 6 al 28 febbraio 2021
  • Visita alla fioritura del camelieto storico di Villa Durazzo Pallavicini

    • dal 20 febbraio al 5 aprile 2021
    • Villa Durazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento