"Addio mia arte!": i colori dell'arte nell'ombra della follia

A.C.C.O. - Associazione Culturale Cogoleto Otto propone la quinta edizione di un grande spettacolo che contribuisce fortemente a far conoscere la vita e le opere di Gino Grimaldi.

Lo spettacolo è scritto e diretto da Novella Limite.

Interpreti: Roberto Panzani, Sara Damonte, Raffaele Casagrande.

Tecnico Audio Luci: Giuseppe Ciardullo

All’età di 44 anni, il pittore Gino Grimaldi vive l’ennesimo internamento in manicomio, perché sofferente di psicosi maniaco-depressiva che lo porta a rasentare il suicidio. All’interno dell’ospedale, egli conosce il proprio psichiatra (indicato nello spettacolo genericamente come “dottore”), il quale, a sua volta, vive un momento di profonda crisi personale determinata da un senso di ribellione nei confronti di un sistema manicomiale che non approva. Durante un colloquio, Grimaldi comunica al dottore il proprio strenuo e ossessionante bisogno di dedicarsi alla pittura che definisce come l’unica sua medicina e lo psichiatra, affascinato dalla personalità di uomo colto e raffinato, appurando il suo reale bisogno di dipingere come mezzo per affermare se stesso e la propria identità.

"Addio mia arte" porterà ad un nuovo progetto per il 2019: un documentario sulla vita e le opere del pittore Gino Grimaldi.

Si sa che dalla sofferenza può nascere la bellezza, ideale che diede senso alla vita di Gino Grimaldi e la riempì. "La pittura è l'unica mia medicina" affermava l'artista e, dopo essersi conquistato la fiducia dei medici che lo avevano in cura, presso l'Ospedale Psichiatrico di Cogoleto, gli venne affidato il compito di decorare la chiesa di S. Maria Addolorata di Pratozanino.

Poiché crediamo che chiunque ami l'arte e la bellezza meriti di conoscere le opere del pittore Gino Grimaldi, le quali, ancora oggi, risultano note a una cerchia troppo ristretta di cogoletesi, studiosi e addetti ai lavori, proponiamo il progetto per un documentario su Gino Grimaldi, la cui attività artistica riveste un valore ancora più importante considerato il contesto manicomiale in cui venne realizzata. Obiettivo del documentario sarà anche quello di raccontare le operazioni di messa in sicurezza di cui le opere sono state oggetto e di tenere viva l'attenzione sulla necessità di un restauro definitivo.

Si può contribuire effettuando un bonifico sul c/c intestato a

A.C.C.O. ASSOCIAZIONE CULTURALE COGOLETO OTTO

c/o
BANCA PROSSIMA
Agenzia di Genova, via Fieschi 4

IBAN
IT57J0335967684510700304516

Causale: crowdfunding Docufilm Gino Grimaldi

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Loser da asporto": il web comedy show per sostenere le attività del centro storico

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • Internet
  • "Armando - la voce dell'ignoranza": il talk show approda online

    • 13 marzo 2021
    • Internet
  • "Temporaneamente presenti (è già qualcosa)": lo spettacolo del Teatro dell'Ortica va in streaming

    • dal 27 febbraio al 13 marzo 2021
    • Internet

I più visti

  • Mercato dei Produttori, a Genova i prodotti tipici delle vallate

    • Gratis
    • dal 6 febbraio al 7 marzo 2021
    • Eataly
  • Genova in nero: alla scoperta della città attraverso misteri e delitti

    • solo oggi
    • 28 febbraio 2021
    • MaddAlive
  • "San Valentino... innamorati a Camogli": il programma dell'edizione 2021, le novità, cosa sarà possibile fare

    • Gratis
    • dal 6 al 28 febbraio 2021
  • Visita alla fioritura del camelieto storico di Villa Durazzo Pallavicini

    • dal 20 febbraio al 5 aprile 2021
    • Villa Durazzo Pallavicini
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    GenovaToday è in caricamento