Nuovi criteri per impiantare i vigneti, dal 2016 sarà più complicato

Non servirà più estirpare un vecchio vigneto per ottenere l'autorizzazione a impiantarne un altro. A disposizione oltre 60 ettari

Oltre 60 ettari a disposizione per impiantare nuovi vigneti, ma con una novità sostanziale: non vi sarà più bisogno di estirpare contestualmente un precedente vigneto, ma basterà pagare 200 euro a ettaro. Un prezzo "politico", circa il 10% rispetto allo scorso anno, con l'obiettivo di stimolare la richiesta di nuova superficie vitata - l'anno scorso gli ettari richiesti furono solo 15.

«Vogliamo dare un forte impulso all'attività vitivinicola del nostro territorio aumentando la superficie vitata, consolidare e rafforzare le nostre aziende, incentivare nuove imprese e avvicinare i giovani  a questo comparto», ha spiegato l'assessore all'agricoltura Stefano Mai.

I criteri di concessione danno priorità alle richieste dei giovani, delle aziende piccole e delle zone che necessitano di essere messe in sicurezza ambientale grazie al lavoro in vigna (come i terrazzamenti o i declivi con pendenza superiore al 30%). I diritti assegnati dalla Regione potranno essere convertiti in autorizzazioni entro il 2020 ed essere utilizzati entro il 2023.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il termine per presentare domanda di concessione del diritto di reimpianto è il 30 novembre pertanto invito tutte le imprese interessate ad attivarsi perché dal prossimo anno non sarà più possibile ricorrere a questa procedura di assegnazione. Dal 2016 in Europa terminerà il “regime dei diritti di impianto” per cui sarà davvero complicato, se non impossibile impiantare un nuovo vigneto. Per questo motivo spero che l'invito ad aggiudicarsi questi diritti sia accolto, nell'ottica di aumentare le produzioni vinicole e creare nuovi posti di lavoro», conclude Mai.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Bassetti: «Seconda ondata? Basta allarmismo»

  • Waterfront, avanti con i lavori: l'acqua inizia a fluire nel canale navigabile

  • Ronaldo e Georgina di nuovo in Liguria: bagno a Portofino e cena a Paraggi

  • Ruba una valigia in un'auto ma passa davanti al proprietario poco dopo

  • A7, chiude per 15 giorni la galleria tra lo svincolo A12 e Bolzaneto: le modifiche al traffico

  • Il primo giorno del ponte San Giorgio, tra code e qualche intoppo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento