Turismo: forte calo di presenze a giugno 2018

«I dati di giugno dimostrano che il presunto boom sbandierato dall'assessore Berrino era frutto di una mera congiuntura internazionale e non certo figlio di una reale visione o di una seria programmazione». Così il portavoce del Movimento 5 Stelle Tosi

Frena il turismo in Liguria e il Movimento 5 Stelle va all'attacco della Giunta regionale. Meno 120mila presenze complessive, pari a meno -6,82% a livello regionale, tra cui spicca il fragoroso -11,34% della Provincia di Savona, che vanta il maggior numero di strutture ricettive, mentre il progressivo regionale si attesta sul -1,90%. È la fotografia del turismo ligure sulla base dei dati forniti dall'Osservatorio regionale per il mese di giugno.

«Spiace dover dire 'l'avevamo detto', ma questo crollo verticale era ampiamente previsto e prevedibile e rappresenta un antipasto scoraggiante per l'estate in corso - osserva il portavoce regionale del Movimento 5 Stelle Fabio Tosi, che per primo aveva messo in guardia sul trend preoccupante del turismo ligure -. Una volta attenuata la grande paura legata agli attentati terroristici dello scorso anno, è arrivata la prevista, inevitabile, flessione. I dati di giugno dimostrano che il presunto boom sbandierato dall'assessore Berrino era frutto di una mera congiuntura internazionale e non certo figlio di una reale visione o di una seria programmazione, di cui ancora oggi purtroppo non c'è la minima traccia. Meno presenze significano meno pernottamenti, meno lavoro per i ristoranti, i commercianti e per chiunque vive e lavora di turismo, con ricadute pesanti sia in termini economici che occupazionali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Serve un deciso cambio di marcia da parte della Giunta Toti, se vogliamo davvero invertire la tendenza - commenta Tosi -. Non basta una campagna di promozione turistica, peraltro tardiva, per rimettere in piedi una stagione che si annuncia tutta a segno meno. Questi sono anche i frutti della mancata programmazione da parte di Agenzia in Liguria, per mesi rimasta praticamente 'decapitata', con il suo direttore impegnato in campagna elettorale per le Politiche invece che nella programmazione della stagione estiva. Ecco i risultati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Derubato tre volte in una notte, l'ultimo ladro lo abbraccia per 'consolarlo'

  • Autostrade, concluse le ispezioni nelle gallerie; diventano gratis 150 km

  • Previsioni traffico estate 2020, un solo giorno da bollino nero

  • Inaugurato il nuovo ponte di Genova, fra «orgoglio e commozione»

  • Polizia locale, concorso per 38 assunzioni a tempo indeterminato

  • Avvinghiati a terra in un lago di sangue, divisi con lo spray al peperoncino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento