menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Telethon finanzia tre gruppi di ricerca a Genova

Selezionati i vincitori del bando di concorso Telethon 2014 per la ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare: in Liguria finanziati 3 gruppi di ricerca a Genova per un totale di 508.100 euro

Sono stati selezionati i vincitori del bando di concorso Telethon 2014 per la ricerca sulle malattie genetiche rare. In Liguria sono stati finanziati 3 gruppi di ricerca di Genova che hanno ottenuto fondi per un totale di 508.100 euro destinati a individuare cause, meccanismi di evoluzione e possibili strategie terapeutiche per alcune malattie genetiche rare.

I progetti sono stati selezionati dalla Commissione medico scientifica di Telethon a seguito di un rigido processo di valutazione basato sul metodo del “peer-review”, letteralmente “revisione tra pari”, in grado di garantire rigore, trasparenza e oggettività. La commissione medico scientifica è composta da 32 scienziati provenienti da diversi Paesi nel mondo che si sono avvalsi a garanzia di una maggiore efficacia nella valutazione di 326 revisori esterni, ricercatori provenienti da 26 nazioni.

Complessivamente il bando 2014 di Telethon ha finanziato 40 progetti di ricerca di 60 centri italiani provenienti da 12 Regioni (Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Umbria, Veneto) per un totale di 11.733.290 euro.

A Genova hanno ottenuto i finanziamenti Telethon i gruppi di ricerca di Marco Gattorno, dell’Unità di pediatria II dell’Ospedale Gaslini di Genova, Anna Rubartelli dell’Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino-IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro, Fabio Benfenati del Department of Neuroscience and Brain Technoogies (NBT) Center for Nanoscience and Technology (CNST) dell’Istituto Italiano di Tecnologia.

Fabio Benfenati dell’Istituto Italiano di Tecnologia, in collaborazione con il gruppo di ricerca di Grazia Pertile dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar (VR), sperimenterà un nuovo “occhio bionico”, una retina artificiale fotovoltaica per curare la retinite pigmentosa, malattia genetica che rappresenta una delle principali cause di cecità.

Marco Gattorno, dell’Ospedale Gaslini di Genova, e Anna Rubartelli, dell’Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino-IST, studieranno nuovi approcci terapeutici per correggere l’alterazione genetica alla base della sindrome CAPS, un gruppo di malattie rare caratterizzate da uno stato infiammatorio cronico con febbre, rash cutanei simili all’orticaria, artrite, meningite cronica fino a conseguenze come sordità e ritardo intellettivo.

I finanziamenti del bando 2014 vanno ad aggiungersi ai fondi Telethon che sostengono quotidianamente i centri di ricerca Tigem di Napoli, Tiget di Milano e il programma di carriere Istituto Telethon – Dulbecco. Dal 1991 a oggi Telethon ha investito in ricerca oltre 405 milioni di euro, ha finanziato più di 2500 progetti che hanno permesso di ottenere 9380 pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali e di sviluppare 27 diverse strategie terapeutiche per 25 malattie genetiche rare.
 
Per ulteriori informazioni www.telethon.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento