menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Slow Fish 2013: la rassegna torna al porto antico e sbarca al mercato del pesce

In occasione del ritorno di Slow Fish al porto antico verrà utilizzato anche il mercato del pesce di piazza Cavour per molte delle iniziative in programma: laboratori, presentazioni divulgative, approfondimenti e l'attesa asta del pesce

Genova - Slowfish 2013 torna al porto antico, dove si era svolta soltanto la prima edizione. Ritorna con l'eredità di un successo crescente alle spalle, tanto che è sembrato opportuno agli organizzatori (Slow food, Unioncamere e associazioni di categoria della pesca) estendere l'esposizione anche al contiguo mercato del pesce di piazza Cavour, una struttura che presto potrebbe cambiare destinazione ma che nei sui 80 anni di vita è stata il punto di riferimento per tutta l'area genovese, dai pescatori ai commercianti al dettaglio, dai ristoratori ai consumatori appassionati che non si risparmiano levatacce in tutte le stagioni per assicurarsi il miglior pescato, specialmente per il fine settimana.

 

L'ambientazione in un luogo così "vivo" aggiungerà un'emozione in più a una manifestazione che promette già molto. A due passi dal mercato, al centro dell'area espositiva nei pressi del Bigo al Porto Antico, sarà allestito lo stand della Regione Liguria che cercherà di ricreare le atmosfere dell'attività tradizionale di pesca, con le barche, le reti e i tratti tipici dei borghi marinari liguri. L’ingresso alle iniziative in programma nell’area Liguria, come del resto a Slow Fish 2013, è gratuito.  Tra stand e mercato laboratori di assaggio, scuole di cucina, approfondimenti scientifici e presentazioni di attività sempre più importanti che coniugano pratica della pesca e turismo, come il pescaturismo e l'ittiturismo.

Come già nelle edizioni passate il principale obiettivo di Slowfish (e del progetto europeo Fishscale, cui aderisce la Regione Liguria) è far conoscere ai consumatori le specie ittiche meno sfruttate, che non hanno nulla da invidiare come gusto e proprietà nutrizionali ai pesci più conosciuti. Sugarelli, alacce, pesci lama, mostelle, lampughe: soltanto la scarsa consuetudine impedisce di apprezzarle come meritano. Spazio quindi alle dimostrazioni di sfilettatura e cucina, agli assaggi, agli abbinamenti.

La cucina del pesce non può fare a meno di altre eccellenze agroalimentari liguri, a cominciare dall'olio di oliva, senza dimenticare il vino e le molte erbe aromatiche che entrano un po' in tutte le ricette tradizionali: ci sarà spazio, dunque, anche per queste produzioni agricole tipiche del territorio.

Per gli appuntamenti culturali non manca l'intrattenimento serale con lo spettacolo di teatro canzone "Alla ricerca del tempo perduto", anch'esso organizzato nell'ambito di Fishscale, a cura di Suq Genova.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus, Bassetti: «È iniziata terza ondata, temo farà male»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento