Economia

Leonardo, i sindacati annunciano un nuovo sciopero: «Dal governo via libera alla dismissione»

Dopo le dichiarazioni del ministro Giorgetti i sindacati hanno indetto un nuovo sciopero per martedì 11 maggio e una tavola rotonda aperta alla città  

Mercoledì 5 maggio il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha risposto al question time sulle prospettive della divisione automazione presso lo stabilimento di Genova della Leonardo. Le sue dichiarazioni non sono piaciute ai sindacati, che hanno indetto un nuovo sciopero per martedì 11 maggio e una tavola rotonda aperta alla città nello stesso giorno. 

«La dichiarazione - scrivono Fim, Fiom e Uilm in una nota - , scremata da una serie di stucchevoli dichiarazioni relative a ipotetici investimenti su Genova del gruppo Leonardo (che ricordiamo meno di dieci anni fa occupava a Genova più di 7mila lavoratori e oggi solo 1.700), si risolve in un implicito via libera all'operazione di dismissione. Non accettiamo tale risposta e chiediamo cosa ne pensino quelle forze politiche che a Genova sostengono la protesta e a Roma fanno parte di un Governo che avvalla una operazione che inevitabilmente indebolirà il tessuto industriale del territorio».

«È evidente - aggiungono i sindacati - che da tali dichiarazioni del ministro non può che scaturire la volontà di una mobilitazione ancor più evidente che si concretizzerà già domani con il blocco della reperibilità e da martedì 11 maggio con lo sciopero del personale degli impianti e dei trasferisti della Business Automation e Corporate. Inoltre abbiamo deciso di organizzare una tavola rotonda aperta alla città alla quale sono state invitate le istituzioni e che si terrà martedì 11 maggio dalle ore 14 alle ore 17,30 presso la Compagnia Unica Paride Batini».

«La decisione di disfarsi della BU - concludono - risulta ancor più incomprensibile alla luce delle recenti notizie di stampa dalle quali si apprende che per questa divisione sono stati acquisiti ordini per realizzare nuovi sistemi di smistamento per Amazon e Aeroporti Spagnoli del valore di 70 milioni di euro, pertanto la richiesta è sempre quella di un confronto con il Governo che porti ad una soluzione positiva della vertenza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leonardo, i sindacati annunciano un nuovo sciopero: «Dal governo via libera alla dismissione»

GenovaToday è in caricamento