rotate-mobile
Economia

Gls, sciopero a oltranza: consegne a rischio

Filt Cgil Genova e Liguria, Fit Cisl Liguria e Uiltrasporti Liguria proclamano lo stato di agitazione da giovedì 11 aprile 2024 per gli addetti dei siti di Bolzaneto e Carasco: "Fino a quando le lavorarci e i lavoratori non avranno ricevuto il dovuto, trattamento di fine rapporto, ferie, permessi e Rol"

Filt Cgil Genova e Liguria, Fit Cisl Liguria e Uiltrasporti Liguria proclamano lo stato di agitazione e lo sciopero, a partire da giovedì 11 aprile 2024, per le addette e gli addetti di Gls dei siti di Bolzaneto e Carasco: "Fino a quando le lavorarci e i lavoratori non avranno ricevuto il dovuto - scrivono in nota - ovvero trattamento di fine rapporto, ferie, permessi e Rol, che sono spariti dall'orizzonte di 150 lavoratori".

I sindacati poi spiegano nel dettaglio i motivi della protesta: "A parte una debole proposta di pagamento a rate del Gruppo Astra, nuovo fornitore - proseguono - Gls Enterprise - che è il soggetto legalmente  obbligato in solido al pagamento delle spettanze di fine rapporto e Tfr - non ha dato nessun segno di vita alle richieste di Filt Cgil Genova e Liguria - Fit Cisl Liguria- Uiltrasporti Liguria. Nel corso del mese di febbraio 2024 la società Prisma è uscita dagli appalti di movimentazione delle merci e distribuzione per conto del committente GLS Enterprise di Genova e Chiavari, lasciando insoluti i crediti da lavoro dipendente di  circa 150 lavoratori impiegati negli appalti. Oltre alle competenze - sostengono ancora i sindacati - la società Prisma non ha consegnato ai lavoratori la documentazione CU 2024 riferita ai redditi 2023, e non sappiamo se è avvenuto telematico all’Agenzia delle Entrate, impedendo di fatto a tutti questi lavoratori di poter pianificare l’annuale dichiarazione dei redditi, esponendoli così a verifiche ed eventuali sanzioni per mancata dichiarazione".

"Occorre procedere con gli accertamenti dovuti per riportare nell'ambito della legalità GLS Enterprise - dichiarano Marco Gallo, Mirko Filippi e Giovanni Ciaccio di Filt Cgil Genova e Liguria , Fit Cisl Liguria, Uiltrasporti Liguria -. I lavoratori stanno subendo un danno e, ancora una volta, risultano l'anello debole della catena. Qualora venisse accertato il dissolvimento della Società Prisma le organizzazioni sindacali dovranno capire da Agenzia delle Entrate quale sarà il possibile percorso per evitare ai lavoratori interessati di risultare inadempienti rispetto alla presentazione della dichiarazione dei redditi".

Continua a leggere le notizie di GenovaToday, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale WhatsApp

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gls, sciopero a oltranza: consegne a rischio

GenovaToday è in caricamento