menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rixi: «Genova declassata dal Governo, soldi dimezzati per la Diga»

Invece del miliardo di euro necessario per realizzare la nuova diga, il governo ha stanziato solo 500mila euro

Il deputato Edoardo Rixi, responsabile nazionale Infrastrutture della Lega, lancia l'allarme sulla realizzazione di opere, fondamentali per il futuro logistico della città.

«I soldi per costruire la diga nel porto di Genova sono fortemente a rischio - dichiara Rixi -. Dopo lo stop alla Gronda e lo slittamento del Terzo Valico al 2024, il declassamento di Genova è la novità con cui il Governo apre il nuovo anno. La dotazione per costruire l'opera - imprescindibile per avere un porto all'altezza degli standard internazionali - è stata dimezzata: serve un miliardo di euro per realizzarla, sono stati inseriti solo 500 milioni».

«Tutto scritto nero su bianco nella bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza. E il resto chi ce lo mette? L'opera è necessaria altrimenti le navi di nuova generazione sceglieranno altri scali - conclude Rixi -. Un Governo che toglie i soldi per la nuova diga nel porto di Genova e che resta inerte davanti all'isolamento infrastrutturale della Liguria è un Governo ostile ad aziende, imprenditori, commercianti e professionisti della regione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Maltempo, scatta l'allerta per temporali: le previsioni

  • Cronaca

    Noto anarchico pluripregiudicato arrestato dalla Digos

  • Coronavirus

    Seconde case, il governo chiarisce: si può andare oppure no?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento