Addio alla Rinascente, chiusura definitiva dopo 58 anni

I sindacati hanno organizzato un presidio per fare in modo che questa ennesima chiusura non passi inosservata. Una quarantina i dipendenti senza lavoro

È arrivato il giorno di tirare giù la saracinesca, per sempre dopo 58 anni, al grande magazzino Rinascente in centro. Questa sera alle 19 davanti all'entrata principale, i sindacati hanno organizzato un presidio per fare in modo che questa ennesima chiusura non passi inosservata. Dall'annuncio dell'amministratore delegato, circa un anno fa, a oggi sono 14 i lavoratori che hanno accettato il trasferimento, mentre altri 4 hanno dato le dimissioni.

Restano una quarantina di dipendenti, che da domani sono senza lavoro, nonostante i dialoghi per cercare di trovare una soluzione: possibili acquirenti sembravano esserci, ma alla fine nessuno se l'è sentita di andare fino in fondo e insediarsi nello stabile, di proprietà di Banca Carige.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle ultime settimane la Rinascente ha effettuato una vendita promozionale e i locali sono ormai quasi vuoti. Domani si provvederà a togliere le ultime cose, poi chissà. Per la città un altro fatto negativo che si va ad aggiungere alla lunga lista di questo 2018.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
GenovaToday è in caricamento