rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Economia

Fase 2, dal 18 maggio si riparte. Ma i commercianti protestano: «Così non apriamo»

I titolari delle attività commerciali puntano il dito contro la difficoltà a rispettare le norme di sicurezza imposte per la riapertura. Presidio venerdì mattina sotto la Regione

Si avvicina il 18 maggio, e le attività commerciali in Liguria si preparano a riaprire così come desiderato anche dal presidente della Regione, Giovanni Toti, uno dei governatori che più hanno insistito con il governo per avere autonomia e aprire da lunedì a prescindere dalle decisioni a livello nazionale. 

Per molti titolari di attività, però, la riapertura potrebbe rappresentare una condanna anche peggiore della chiusura forzata scattata a inizio marzo: troppo rigide le regole che consentirebbero di tirare su la serranda, e i costi di gestione supererebbero di gran lunga i ricavi. 

A Genova è stata l’associazione Commercianti 3.0 a farsi carico delle problematiche della categoria. A inizio maggio Fabrizio Paravidino, portavoce del gruppo nato a gennaio proprio per rilanciare il commercio, aveva avviato la “protesta delle chiavi”, con i negozianti di vie come via San Vincenzo, via Galata e via Sestri che hanno simbolicamente restituito le chiavi dell’attività in segno di protesta. Venerdì mattina è stato quindi organizzato un presidio sotto la Regione, a De Ferrari, per chiedere supporto concreto, e da parte del governatore ligure Giovanni Toti è arrivata la promessa di un incontro ufficiale la settimana prossima.

Lo scarto tra costi e ricavi preoccupa anche nelle riviere, dove l’economia è supportata in primis dal turismo e da tutte quelle attività (alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari e discoteche) che o non possono aprire, come nel caso delle discoteche, o aprirebbero consci del fatto che, con la chiusura delle regioni, la loro principiale fonte di reddito, i turisti, non potrebbero arrivare.

«Se loro non aprono non ci sarà turismo - è il commento dell'assessore regionale al Lavoro, Gianni Berrino - Se loro non aprono non ci sarà lavoro. Se loro non aprono la Liguria muore. Chiedono solo di poter lavorare. Di poter dare lavoro e di poter far passare piacevoli momenti ai liguri e ai turisti! Con le linee guida nazionali di oggi, questo non è’ possibile. Spero che le Regioni possano derogare. Sempre nel rispetto della salute pubblica. Però le aziende non possono morire»

Anche i ristoratori, costretti a tutta una serie di accortezze per aprire al pubblico, si trovano in questi giorni a fare i conti con le difficoltà legate al protocollo dell'Inail per la riapertura: dal distanziamento tra i tavoli all’installazione delle pareti di plexiglass passando per sanificazioni e aggiornamento dei menù in digitale, per molte attività la riapertura equivarrebbe a un costante flusso di spese che non verrebbero ammortizzate dai guadagni. E alcuni pensano a non riaprire e ad attendere una ripartenza più libera.

«Adesso si innescherà la lamentela delle Regioni contro il governo - è lo sfogo di Matteo Zedda, presidente del Civ di Sarzano Sant’Agostino e titolare di una pizzeria e di un ristorante - Il primo giugno avremmo riaperto con meno restrizioni, non era tanto da pressare per il 18, ma chiedere aiuti economici concreti per arrivare al primo giugno».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fase 2, dal 18 maggio si riparte. Ma i commercianti protestano: «Così non apriamo»

GenovaToday è in caricamento