Regione: 200 mila euro per la formazione delle piccole imprese

Le imprese versano uno quota per la formazione continua dei propri lavoratori, ma il 50% delle aziende liguri non si iscrive ai fondi. Un accordo fra Regione e FormAzienda si impegna a ridisegnare il sistema della formazione

Duecentomila euro destinati per la formazione continua delle piccole e medie imprese liguri. Sono il frutto dell’accordo siglato questa mattina tra l’assessore alla formazione e al bilancio della Regione Liguria, Pippo Rossetti e il presidente del fondo paritetico interprofessionale, FormAzienda, Enrico Zucchi che si prefigge di razionalizzare le risorse per la formazione provenienti dai fondi europei e nazionali, evitando sovrapposizioni e rispondendo in modo più coerente ai bisogni delle imprese e dei lavoratori.

“L’obiettivo dell’accordo – spiega l’assessore alla formazione, istruzione e bilancio, Pippo Rossetti – è quello di ridisegnare il sistema della formazione continua in Liguria, coordinando soggetti, compiti e azioni per garantire un’offerta che sappia innalzare le competenze dei lavoratori e delle lavoratrici, promuovere l’innovazione e valorizzare le eccellenze sostenendo la permanenza sul mercato dei lavoratori a rischio di esclusione. E’ un modo per mettere in circolo sul territorio le risorse a disposizione dei fondi interprofessionali evitando azioni ripetute”. 

Prenderà il via nel primo semestre di quest’anno il bando unico messo a punto dalla Regione e dagli organismi formativi a cui le imprese potranno rispondere presentando i progetti destinati a circa un centinaio di lavoratori. “Quello di oggi – aggiunge Enrico Zucchi, presidente di FormAzienda – è il secondo accordo siglato a livello nazionale, dopo la Lombardia. La Liguria si presenta come una regione pioniera nel gestire le risorse evitando le duplicazioni. Al momento ammontano a 1500 le aziende liguri che hanno aderito al fondo interprofessionale per un totale di circa 6000 dipendenti, su un totale di 32.000 aziende con dipendenti presenti in Liguria”.  

“Di fatto – chiarisce l’assessore Rossetti – il 50% delle aziende liguri non risulta iscritta ai fondi interprofessionali, anche se le aziende versano comunque il contributo dello 0,30% sullo stipendio dei propri lavoratori a favore di un fondo nazionale per la formazione continua. In pratica versano i soldi , ma non si pongono il problema del loro utilizzo a vantaggio della formazione specifica per i lavoratori”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dal 2007 al 2010 sono stati circa 28.000 i lavoratori che hanno beneficiato della formazione continua e circa 40 milioni i fondi stanziati tra risorse nazionali ed europee. “L’accordo di oggi – continua Rossetti – vuole rispondere all’esigenze di ricondurre ad un quadro unitario  le numerose iniziative di formazione per lavoratori occupati, spesso disgiunte, frammentate e concorrenti, messe in atto sia dall’amministrazione pubblica, sia dai fondi interprofessionali e  valorizzare le sinergie tra le diverse fonti di finanziamento in funzione di un’offerta formativa che sia più efficace, come ci è stato chiesto anche dall’Unione europea, per evitare il rischio di non diversificare l’offerta formativa continua e quindi di coinvolgere un numero ridotto di imprese”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paola Cortellesi è Petra, l'ispettore genovese: «Il mio personaggio non fa la femminista, lo è»

  • Genovese di 98 anni trova un BFP da 100mila euro durante il lockdown: parte dei soldi alla ricerca

  • Coronavirus, caso positivo al Liceti di Rapallo, classe in quarantena

  • Coronavirus al San Martino, un'infermiera e un paziente positivi

  • 'Boom' di accessi ai pronto soccorso, ambulanze ferme al Galliera

  • Coronavirus: aumento di casi nel centro storico di Genova, ma nessun cluster

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento