Martedì, 26 Ottobre 2021
Economia

Reddito di emergenza, in Liguria 26.500 richieste: oltre la metà respinte

Il report diffuso dall'Inps prende in considerazione i tre provvedimenti adottati da maggio 2020 a oggi

Sono 26.581 i nuclei familiari liguri che hanno richiesto il cosiddetto “reddito di emergenza”, istituito a maggio 2020 attraverso tre distinti provvedimenti.

Il bilancio emerge dal report nazionale pubblicato mercoledì sul sito dell’Inps, documento che evidenzia anche quasi 15.000 (14.640) domande respinte o cancellate.

A oggi sono stati 11.793 i nuclei che hanno ricevuto almeno un pagamento in Liguria. per un totale di 23.561 persone. L'importo medio mensile è passato da 521 euro (ai sensi del dl 34/2020 art.82) per il periodo maggio-agosto 2020 fino agli attuali 490,41 euro nel periodo novembre-dicembre 2020 col Decreto Ristori.

Cos’è il reddito di emergenza

Il Reddito di Emergenza (REM d.l. 34) è una misura di sostegno economico istituita con l’articolo 82 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (Decreto Rilancio) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Successivamente, il decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 ha introdotto la possibilità di richiedere un’ulteriore mensilità di REM (REM d.l. 104).

Il decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137 ha previsto, poi, due ulteriori quote per i mesi di novembre e dicembre 2020 (REM d.l. 137).

Il REM è riconosciuto ai nuclei familiari in possesso dei requisiti socio-economici previsti dalla legge (articolo 82, commi 2, 3 e 6, decreto-legge 34/2020). Come per il Reddito di Cittadinanza, il beneficiario della prestazione non è quindi il singolo richiedente, ma l’intero nucleo familiare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito di emergenza, in Liguria 26.500 richieste: oltre la metà respinte

GenovaToday è in caricamento