Pil ligure in picchiata, nel 2012 previsto al -2 per cento

Nel 2012 il PIL Ligure scenderà a meno 2 per cento, contro il meno 1.6 del nord ovest e il meno 1.8 della media del Paese. Dal 2008 la Liguria ha perso 5.859 posti di lavoro con una forte diminuzione degli occupati maschi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Genova - Nel 2012 il PIL Ligure scenderà a meno 2 per cento, contro il meno 1.6 del nord ovest e il meno 1.8 della media del Paese: è il dato lapidario che emerge dallo studio che la Cgil ha presentato a Genova. Alla presentazione del Report La Liguria e la crisi: ricadute sulla regione e sulle province nel ciclo 2008 – 2011 erano presenti il curatore Bruno Spagnoletti Responsabile Ufficio Economico CGIL Liguria e il Segretario Generale CGIL Liguria Renzo Miroglio.

Dall’inizio della crisi economica (2008) la Liguria ha perso 5.859 posti di lavoro con una forte diminuzione degli occupati maschi contro il lieve aumento dell’occupazione femminile probabilmente indice di lavoro meno strutturato, temporaneo o flessibile (650.616 occupati nel 2008 – 644.757 occupati nel 2011).

Anche grazie all’azione sindacale e seppur con massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali, l’occupazione dipendente però resiste, mentre chi tracolla è il lavoro autonomo: nei quasi 6 mila posti di lavoro persi infatti il 23.5 per cento è dato dalla contrazione del lavoro dipendente e ben il 76.5 per cento da quello autonomo.

I settori maggiormente colpiti sono quello dell’industria nel suo complesso, costruzioni comprese (-3.964) e l’agricoltura (- 2.973), reggono invece servizi e terziario (+1.078). Sale il numero dei disoccupati + 6.386 unità (43.273 nel 2011 contro i 36.887 del 2008), dato che si ricava dall’aumento della disoccupazione maschile + 6.643 unità contro la diminuzione di quella femminile – 261 unità arrivando ad una media percentuale del tasso di disoccupazione in Liguria medio al 6.97 per cento. Il piccolo esercito degli attivi, la metà di essi a Genova (394 mila) rimane sostanzialmente stabile (732.013 unità nel 2011).

Molti sono anche i cassintegrati: quasi 15 mila nel 2011, suddivisi tra cassa integrazione ordinaria 3.069, straordinaria 5.861 e deroga 5.997; i maggiori ad usufruirne sono i lavoratori del settore dell’industria, soprattutto manifattura e chimici, 59.2 per cento, seguiti da commercio 22,2, edilizia 12.1 e altri settori 6.5.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento