Economia

Rivoluzione nei porticcioli turistici della Liguria

Da oggi i Marina Resort della Liguria applicheranno l'Iva agevolata alle imbarcazioni ospiti per tutto l'anno

Il consiglio regionale ha approvato la modifica della Legge regionale numero 32 del 12 novembre 2014 (testo unico in materia di strutture turistico ricettive e norme in materia di imprese turistiche).

Il nuovo testo allinea la Liguria al resto d'Italia, cancellando il limite dei 45 giorni di permanenza continuativa entro il quale le imbarcazioni ormeggiate nei Marina Resort potevano usufruire dell'Iva turistica agevolata al 10%: finora i natanti ormeggiati in uno dei trentamila posti barca della Liguria pagavano il 10% di Iva solo fino al 45esimo giorno di ormeggio continuativo, mentre dal 46esimo giorno scattava l'aliquota al 22%.

Da oggi, invece, i Marina Resort della Liguria applicheranno l'Iva agevolata alle imbarcazioni ospiti per tutto l'anno.

«È un altro provvedimento concreto che abbassa le tasse a favore della crescita e dello sviluppo. Così riparte la Liguria, così riparte l'Italia - ha detto il presidente Giovanni Toti -. Dopo l'abolizione dell'Irap fino a 5 anni per le nuove imprese, dopo l'eliminazione del bollo per le auto ibride ecco un ulteriore provvedimento che dimostra come il nostro obiettivo di mandato sia quello ridurre la pressione fiscale. In particolare la riduzione dell'Iva per i Marina Resort liguri rappresenta un aiuto concreto al rilancio di un settore strategico quale la nautica da diporto, fondamentale per lo sviluppo di una regione turistica come la Liguria. Grazie a questa legge portiamo la Liguria in Italia e i porticcioli liguri tornano a essere competitivi rispetto agli approdi di altre regioni e anche della vicina Costa Azzurra».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivoluzione nei porticcioli turistici della Liguria

GenovaToday è in caricamento