Mercoledì, 23 Giugno 2021
Economia

Leonardo, lavoratori in corteo in centro per difendere 400 posti di lavoro

Alla protesta in sostegno di BU Automation partecipano anche i lavoratori in appalto di pulizie, mensa e vigilanza. A rischio il futuro di centinaia tra ingegneri e tecnici altamente specializzati

Sciopero con corteo dei lavoratori Leonardo martedì mattina in centro città. I manifestanti si sono dati appuntamento nei pressi della stazione di Principe per arrivare insieme sino al palazzo della Regione e sostenere così la vertenza relativa alla BU Automazione.

Il corteo è partito da piazza Principe intorno alle 9 e si è diretto verso piazza De Ferrari passando da via Balbi, piazza della Nunziata, Corvetto e via Roma, con conseguenti chiusure al traffico da parte della polizia Locale.

Al centro della protesta l'ipotesi di esternalizzazione della divisione automazione e il futuro di 400 tra ingegneri e tecnici altamente specializzati che si occupano di sistemi di logistica e automazione nella sede di Sestri Ponente.

Lo sciopero è stato proclamato Fim, Fiom e Uilm, che chiedono a gran voce un incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico «necessario per affrontare il tema con l’azionista di maggioranza di Leonardo, che, preme ricordare, è sempre lo stesso governo di cui fanno parte tutte quelle forze politiche che stanno esprimendo solidarietà - spiegano le organizzazioni sindacali - Tale incontro è indispensabile per chiarire la situazione e quindi occorre scioperare nuovamente per ottenerlo.

Alla protesta partecipa anche il personale dell’appalto ristorazione, pulizia e movimentazione di Leonardo e gli addetti alla vigilanza: «La preoccupazione per le scelte annunciate dalla committenza sulla BU Automation è fortissima - confermano i sindacati - per ricadute che tali decisioni potrebbero avere sul personale degli appalti di ristorazione e pulizie».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leonardo, lavoratori in corteo in centro per difendere 400 posti di lavoro

GenovaToday è in caricamento