Economia

Lavoro, assunzioni in picchiata. La Cgil: “Persi 11.500 posti in tre mesi, contratti stagionali dimezzati”

I dati Inpsi evidenziano una crisi soprattutto per i contratti a termine e le assunzioni stagionali: “Penalizzati soprattutto giovani e donne”

Bilancio nero per il mercato del lavoro in Liguria. Stando a quanto riportato dalla Cgil, soltanto nel primo trimestre del 2021 sono andati persi 11.500 posti di lavoro, con un calo del 30% delle assunzioni, che passando da 39.336 a 27.877.

L’ufficio economico della Cgil ha elaborato i dati Inps, evidenziando come la situazione sia critica soprattutto per i contratti a termine e i lavoratori stagionali: “I numeri dimostrano che il problema non è trovare  lavoratori stagionali, ma far ripartire il mercato del lavoro che in Liguria è fermo e ha penalizzato soprattutto le donne e i giovani”, ha spiegato Giovanni Bucchioni , segretario generale Filcams Cgil Liguria.

Proprio i contratti a termine fanno registrare i numeri più preoccupanti: uno su tre non è stato rinnovato (dai 18.446 del 2020 ai 12.382 pari al – 32.9%), le assunzioni stagionali sono state dimezzate (dai  1.894 ai  920) e anche i contratti a chiamata segnano una riduzione di quasi il 40% (1.900 assunzioni in meno nell’ultimo anno).

“Le imprese in questi mesi non hanno assunto né sostituito chi è andato in pensione - conclude Bucchioni - Per tornare ai livelli occupazionali pre Covid servirà almeno un anno, sperando in una ripresa concreta dei consumi”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro, assunzioni in picchiata. La Cgil: “Persi 11.500 posti in tre mesi, contratti stagionali dimezzati”

GenovaToday è in caricamento