Martedì, 21 Settembre 2021
Economia

Porto, via libera agli indennizzi per i 'camalli'

Approvato un contributo in favore della Compagnia Culmv Paride Batini di Genova pari a 340mila euro per i mesi di gennaio-marzo 2021 relativo alle minori giornate di lavoro rispetto all'anno 2019

Il Comitato di Gestione dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, riunito nel pomeriggio di giovedì 5 agosto 2021 per l'ultima seduta prima della pausa estiva, ha dato il via libera in merito al pagamento degli indennizzi a favore delle Compagnie Portuali di Genova e Savona e ha espresso parere favorevole a una serie di provvedimenti concessori demaniali.

Per quanto concerne gli indennizzi alle compagnie portuali, nello specifico, è stato approvato un contributo in favore della Compagnia Culmv Paride Batini di Genova, ai sensi dell'articolo 199 comma 1 D.L. 34/2020, convertito in L.77 e s.m.i. pari a 340mila euro per i mesi di gennaio-marzo 2021 relativo alle minori giornate di lavoro rispetto all'anno 2019 e riconducibili alle mutate condizioni economiche del sistema portuale italiano conseguenti all'emergenza covid-19; deliberato anche un contributo di 882mila euro, secondo quanto previsto dall'articolo 17 comma 15 bis L. 84/94 relativo al reimpiego in altre mansioni del personale non idoneo allo svolgimento delle operazioni e servizi portuali per il periodo gennaio-dicembre 2020, a titolo di conguaglio, e per il periodo gennaio-marzo 2021.

A favore della Compagnia portuale Culp Pippo Rebagliati di Savona, invece, sono stati riconosciuti un contributo pari a 170mila euro ai sensi dell'articolo 9-ter della legge 130/18, per quanto concerne i minori avviamenti al lavoro registrati nel primo trimestre 2020 rispetto all'anno 2017, riconducibili alle mutate condizioni logistiche del sistema portuale del Mar Ligure Occidentale conseguenti al crollo del Ponte Morandi.

Per quanto riguarda i provvedimenti inerenti le concessioni demaniali, il Comitato di Gestione si è espresso positivamente, tra l'altro, al rilascio della concessione pluriennale alla società Savi, concessa per un periodo di 10 anni, relativa a un'area demaniale marittima di mq. 1.555 complessivi in via al molo Vecchio/calata Gadda e via al varco Quadrio, presso il Distretto Industriale delle Riparazioni Navali del porto di Genova. L'area sarà utilizzata per le attività di riparazione, manutenzione ed allestimento navale e comprenderà un'officina, un magazzino, uffici, spogliatoi, servizi e mensa.

Via libera anche all'ampliamento del compendio demaniale in concessione a Nuovo Borgo Terminal Containers riguardante 5.000 mq che la società ha richiesto con la previsione di un aumento dei traffici e per poter attuare un nuovo piano di sviluppo aziendale unitamente a un miglior efficientamento delle attività di deposito, movimentazione, trasporto e riparazione container, parcheggio presso le aree scoperte.

Nella riunione odierna i membri del Comitato hanno approvato rilascio delle autorizzazioni necessarie allo svolgimento della prossima edizione del Salone Nautico Internazionale, in programma a settembre nelle aree del comparto fieristico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto, via libera agli indennizzi per i 'camalli'

GenovaToday è in caricamento