menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ilva, Fiom: «Se l'azienda non pagherà gli stipendi non staremo fermi»

«La situazione complessiva dell'Ilva è gravissima, ho l'impressione che ci troviamo di fronte a una maionese impazzita»: lo ha detto il segretario Fiom Cgil della Liguria, Franco Grondona

Genova - «La situazione complessiva dell'Ilva è gravissima, ho l'impressione che ci troviamo di fronte a una maionese impazzita»: lo ha detto oggi, a margine della commemorazione in fabbrica a Cornigliano dell'uccisione di Guido Rossa, il segretario Fiom Cgil della Liguria, Franco Grondona.

IN ATTESA DEGLI STIPENDI - «È in atto uno scontro pesante tra magistratura, da un lato, e governo e azienda dall'altro, e c'é il rischio consistente che siano i lavoratori a pagare. Se il 10 febbraio l'azienda non pagherà gli stipendi dicendo che non ha i soldi, questo diventa un fatto grosso. Tutti capiscono cosa vorrebbe dire sul piano sociale. Le ripercussioni, anche su Genova, sarebbero gravi. Se ciò accadesse, di certo noi non staremo fermi».

LA PAROLA AL SINDACO - Anche il sindaco di Genova, Marco Doria, presente alla commemorazione, ha espresso preoccupazione: «Il futuro di Ilva é complesso - ha detto -. Gli enti locali stanno però lavorando insieme per riuscire a dare un prospettiva a questa impresa e ai lavoratori» (Ansa).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento