menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lo studio della Cisl: «Con grandi opere 35 miliardi e 36mila posti di lavoro»

Presentato al Duse il dossier incentrato su costi e benefici della realizzazione di 6 grandi opere. Presente Anna Maria Furlan

Dopo il presidio della scorsa settimana, i sindacati liguri tornano a parlare di sviluppo economico e grandi opere in un incontro cui partecipa anche Anna Maria Furlan, segretaria nazionale Cisl.

Il dibattito, organizzato dalla Cisl, è incentrato su un dossier che presenta costi e benefici di 6 grandi opere considerate fondamentali per la Liguria, soprattutto dopo il crollo del ponte Morandi. Lo studio prende in considerazione anche le ricadute economiche e occupazionali sulla regione: oltre a Furlan partecipano anche il segretario generale ligure, Luca Maestripieri, i segretari generali territoriali, le federazioni di categoria e 600 delegati provenienti da tutta la Liguria.

Le grandi opere inserite nel dossier sono Terzo Valico, Gronda, Nodo Ferroviario di Genova, Aurelia Bis a Savona, Aurelia Bis a La Spezia e ovviamente il nuovo ponte Morandi. L’analisi ha dimostrato che la realizzazione comporterebbe un totale di oltre 25 miliardi di euro di ricadute economiche e più di 36 mila posti di lavoro tra diretti e indotto.

«Bisogna svolgere un’azione sindacale adeguata ai tempi, unendo alle manifestazioni di piazza anche i contenuti e le proposte se vogliamo avere un’interlocuzione efficace con la quale il sindacato riesca a farsi ascoltare dal governo – ha detto Maestripieri - Il cantiere per la demolizione del ponte è partito, speriamo che non ci siano rallentamenti a causa di intoppi generati da prese di posizioni contenute nel decreto convertito in Legge. Ci auguriamo che il “via” dato nei giorni scorsi dal ministro Toninelli al TerzoValico sia definitivo e che porti ad accelerare i lavori. Manca lo sblocco dei lavori della gronda, opera assolutamente necessaria e strategica per sgravare il centro città dal traffico veicolare. C’è poco tempo, anzi, non ce n’è più. Siamo pronti ad offrire il nostro contributo in termini di proposte e  contenuti».

L’incontro è stato organizzato al teatro Duse di Corvetto, e preceduto da un piccolo corteo formato da delegati dell’Angelo Fit Cisl (trasporti) che dalla sede di via Buozzi sino al teatro Duse poco prima dell’inizio. Inevitabile dunque qualche disagio al traffico, in una mattinata in cui il centro città è affollato per le spese natalizie. Intorno alle 11, piazza Corvetto era ancora molto congestionata, con ripercussioni anche su circonvallazione a monte, e la centrale operativa della polizia Locale ha inviato sul posto due pattuglie per gestire la situazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Costume e società

Da dove deriva il nome del quartiere Marassi?

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Vaccino coronavirus, Toti: «Ritengo che da giugno si andrà senza più fasce di età»

  • Coronavirus

    Si presenta di notte all'hub per il vaccino, ma trova chiuso

  • Coronavirus

    Scuole, la didattica in presenza sale all'80 per cento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento