rotate-mobile
Economia Sestri Ponente / Via Giacomo Soliman

Fincantieri, via libera dal Comune al piano per il ribaltamento a mare

Il piano di caratterizzazione, presentato dall'Autorità Portuale, è stato approvato con determina del settore ambiente del Comune di Genova

Via libera dal Comune di Genova, con prescrizioni, al piano di caratterizzazione ambientale per il ribaltamento a mare dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente a seguito del parere favorevole espresso dalla Conferenza dei servizi.

"Non può che essere una buona notizia - commenta il presidente della Regione Giovanni Toti -. Si tratta infatti di un'opera fondamentale per lo sviluppo dei cantieri, che saranno in grado di realizzare anche navi di ultimissima generazione. Parliamo inoltre di un intervento indispensabile anche perché in grado attivare tutta la filiera: il mercato delle crociere e della cantieristica, dopo lo stop forzato legato all'emergenza pandemica, è in netta ripresa e in questo contesto Genova e la Liguria hanno saputo ritagliarsi un ruolo da protagoniste grazie al lavoro svolto in questi anni".

"La nostra regione - ha aggiunto il presidente Toti - è al primo posto in Italia e ai vertici nel Mediterraneo per traffico passeggeri legato alle navi da crociera ormai da parecchio tempo e le principali compagnie globali hanno inserito i nostri porti fra le loro principali destinazioni, attivando posti di lavoro diretti e nell'indotto. Grazie al ribaltamento a mare del cantiere di Sestri Ponente si chiude il cerchio, che va dalla costruzione di questi giganti del mare sino all'accoglienza dei passeggeri".

"Il progetto di consolidamento e potenziamento a mare di Fincantieri è un segnale importante, non solo per Genova e la Liguria, che potranno nel prossimo futuro competere sui mercati internazionali grazie alla costruzione di navi di grandi dimensioni (180mila tonnellate e 350 metri), ma per l'intero Paese, sia in termini economici e occupazionali che sociali - spiega l'assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti -. Il via libera da parte del Comune di Genova è solamente l'ultimo passo avanti di un progetto, che seguiamo da tempo da vicino e che vedrà finalmente luce nel nostro territorio nei prossimi anni".

"Ci auguriamo che il nuovo governo sia in grado di valorizzare questa unione d'intenti per traguardare un serio sviluppo della cantieristica navale, comparto che in Liguria riunisce attività ad alto impatto economico, spesso artigianali, che devono trovare spazi per crescere nella visione del porto del futuro", aggiunge l'assessore.

Positivo anche il commento della Cisl. "Bene la notizia del via libera anche se con prescrizioni da parte del Comune di Genova per il piano presentato dall'Autorità Portuale: il ribaltamento a mare è fondamentale per lo sviluppo del cantiere di Sestri Ponente di Fincantieri. I risvolti occupazionali grazie a quest'opera sono straordinari: attualmente il cantiere impiega permanentemente 900 persone, 3.500-4.000 nei momenti di punta e c'è la possibilità di un aumento considerevole, di circa una volta e mezza", spiegano in una nota il segretario generale Fim Cisl Liguria Christian Venzano e il segretario regionale Fabio Carbonaro.

"È una sfida importante per tutta la città ma non solo, oggi è stato fatto un altro piccolo passo in avanti verso un'infrastruttura che può aprire scenari straordinari anche a livello di produttività", concludono Venzano e Carbonaro.

Il procedimento che avanza nell'iter burocratico riguarda una superficie di circa 70mila metri quadrati, comprendendo il nuovo piazzale industriale e il nuovo bacino di carenaggio. Il progetto di riconfigurazione del sito prevede lo scavo e la rimozione di circa 175mila metri cubi di materiale, prevalentemente sedimento marino.

Il piano di caratterizzazione, presentato dall'Autorità Portuale, è stato approvato con determina del settore ambiente del Comune di Genova e comprende una rivalutazione delle criticità ambientali nei terreni e nelle acque sotterranee del sito, oltre a un approfondimento di nuove indagini con l'elaborazione dell'analisi di rischi. Tra le prescrizioni, programmati sondaggi e carotaggi, analisi dei materiali di riporto e monitoraggio delle acque sotterranee.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fincantieri, via libera dal Comune al piano per il ribaltamento a mare

GenovaToday è in caricamento