rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Economia

Lavoratori Ericsson sul piede di guerra, sciopero e presidio in Regione

I dipendenti si sono dati appuntamento per martedì 6 giugno in via Fieschi, giorno del consiglio Regionale, per chiedere interventi concreti contro la procedura di licenziamento collettivo

Continua la protesta dei lavoratori di Ericsson, che per martedì 6 giugno si sono dati appuntamento sotto il palazzo della Regione, in via Fieschi, per partecipare al consiglio Regionale e chiedere interventi concreti da parte delle istituzioni per scongiurare il rischio licenziamenti.

I lavoratori si sono riuniti in assemblea in mattinata, nelle stesse ore in cui i dipendenti di un’altra realtà genovese, l’Ilva di Cornigliano, manifestavano in Prefettura, e hanno annunciato uno sciopero e un presidio dopo l’esito negativo dell’ultimo incontro al Ministero dello Sviluppo Economico, lo scorso giovedì.

A oggi sono 61 i lavoratori genovesi a rischio, 315 in tutta Italia, dopo la decisione della multinazionale svedese di procedere con la procedura di licenziamento collettivo. A nulla è valso il tentativo di conciliazione del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, come confermato anche dai sindacati: «L'azienda ha ribadito di non voler accedere agli ammortizzatori sociali, perché, dice, gli esuberi sono strutturali e non è previsto un piano di investimento futuro», aveva reso noto la Cgil in una nota.

«L’assenza politica e le continue rassicurazioni dei vertici regionali non hanno portato ai risultati sperati - è la conclusione dei sindacati - Di fronte ai licenziamenti imminenti ci auspichiamo che gli intenti di trovare soluzioni in realtà locali diventi realtà e non solo spot pre elettorali. Questa vertenza assieme a quella dell'esternalizzazione dei call center Wind Tre aumenta la preoccupazione per il futuro dell'hi tech genovese».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoratori Ericsson sul piede di guerra, sciopero e presidio in Regione

GenovaToday è in caricamento