Don Bosco, fallisce per covid la ditta che si occupa della mensa: lavoratori a casa, scatta la protesta

L’azienda che si occupava dei pasti sia per i sacerdoti sia per la scuola è fallita causa coronavirus, e l’istituto ha affidato parte del servizio a un’altra cooperativa: presidio davanti all’istituto

Protesta venerdì mattina davanti all’istituto Don Bosco di Sampierdarena da parte dei lavoratori della ditta che si occupava del servizio ristorazione sia per i sacerdoti sia per la scuola.

La Catering Più, come ha spiegato Viviana Correddu di Filcams Cgil Genova, è fallita lo scorso 30 luglio, dopo il lockdown da coronavirus. Da allora per i lavoratori è scattata la procedura di licenziamento collettivo: «Il Don Bosco ha pensato di omettere come avrebbe proceduto col servizio mensa, decidendo poi per una veicolazione esterna dei pasti e internalizzando la parte della distribuzione, senza tenere conto del fatto che un’azienda sia morta per covid, la prima a Genova, e che i lavoratori  siano rimasti senza lavoro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I lavoratori hanno già annunciato di essere pronti a procedere per vie legali, e al termine del presidio una delegazione ha incontrato i vertici del Don Bosco: « Il direttore ci fa sapere che oggi è fuori Genova ma si rende disponibile per un incontro prossima settimana - ha spiegato Correddu - In attesa dell'incontro scriveremo al vescovo di Genova per metterlo a conoscenza della grave situazione avvenuta e se dall'incontro non emergeranno soluzioni concrete per le lavoratrici lasciate a casa, continueremo la battaglia, in piazza e nelle sedi opportune». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Bassetti: «In ospedale al primo sintomo influenzale per la paura che è stata trasmessa»

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Covid, il coprifuoco per frenare il contagio: cosa succede nelle zone rosse. Ospedali in affanno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento