menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Come combattere l’inquinamento domestico

L’inquinamento si respira anche fra le mura di casa. Detersivi, fumo, cucina e perfino i mobili potrebbero rendere l’atmosfera domestica sporca e dannosa. Ecco alcuni suggerimenti per evitare di vivere in un ambiente casalingo inquinato

Se per combattere l’inquinamento che ormai affligge il nostro pianeta viene richiesto uno sforzo comune a tutti i Paesi e ai loro governi, per contrastare quello interno alla propria casa bastano piccoli accorgimenti che forse non tutti conoscono. Proprio per questo, di recente, l’Istituto Superiore della Sanità ha diffuso una sorta di vademecum per segnalare, in primo luogo, da quali fonti casalinghe proviene l’inquinamento domestico e, in seconda battuta, consigliare i comportamenti adeguati per contrastarlo o ridurne al minimo gli effetti.

In una città come Genova (link per cecare casa a Genova) a inquinare non sono soltanto i comignoli o le automobili: anche dentro le mura domestiche si è costantemente a contatto con agenti inquinanti che sporcano l’aria. Candele, incensi, detersivi e, ovviamente, anche le sigarette, arrecano importanti danni a ciò che si respira in casa propria. Ecco che il primo modo, e anche il più semplice, per contrastare un’atmosfera casalinga inquinata è quello di aprire le finestre, assicurando così un importante e costante ricambio di aria. Ciò va fatto anche quando si cucina, considerando che gli alimenti ad alte temperature possono liberare sostanze dannose, e quando si utilizzano detersivi o si comprano dei mobili nuovi. In quest’ultimo caso, a prescindere dalla qualità degli arredi, questi vengono spesso trattati con materiali chimici prima della vendita.

Anticamente si diceva che il pulito non profuma: se in casa sentiamo odori troppo forti, allora sarebbe bene far arieggiare bene gli ambienti spalancando le finestre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Caos autostrade: code anche in serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Costume e società

    Il poeta Guido Gozzano e quelle mangiate alla "Marinetta" di Genova

  • Costume e società

    Cosa vuol dire "stanco"? Storia di un "falso amico" genovese

Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento