menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro storico, un bando da 350mila euro per riqualificare la Maddalena

Da Tursi un'iniziativa rivolta a tutte quelle piccole imprese attive sul territorio dal almeno un anno che vogliano investire in interventi per migliorarsi e valorizzare il tessuto economico e sociale

Un bando per riqualificare la Maddalena, cuore pulsante del centro storico, incentivando le piccole imprese non soltanto a rimanere, ma a investire in nuovi progetti: l’iniziativa arriva dal Comune di Genova, che ha messo a disposizione 350.000 euro per tutte quelle attività che sono attive sul territorio da almeno un anno.

Lo scopo, spiegano da Tursi, è quello di uniformare e armonizzare l’ambiente urbano, un provvedimento «importante e molto atteso, che si prefigge di agevolare il potenziamento dell’economia al fine di promuovere un ruolo di presidio, animazione territoriale e inclusione sociale», come ha sottolineato l’assessore allo Sviluppo Economico, Emanuele Piazza.

Al bando possono partecipare le ditte individuali, le imprese commerciali e artigianali, di persone o di capitali, con iscrizione al Registro delle Imprese tenuto dalla C.C.I.A.A., le cooperative di produzione e lavoro e le cooperative sociali che hanno sede operativa in una zona circoscritta da Tursi e delimitata dal seguente perimetro:

-via delle Fontane, via Bensa, via Cairoli, via Garibaldi (escluse)

-vico del Ferro, vico inf. del Ferro, via Macelli di Soziglia, piazza Soziglia (comprese)

- via Soziglia, via degli Orefici, via Banchi, piazza Banchi (escluse)

- via al Ponte Reale, via Gramsci, da piazza della Darsena a piazza Caricamento, inclusa la retro area di Sottoripa, via San Luca, via di Fossatello, via del Campo (comprese). 

I progetti che verranno finanziati dovranno avere un valore compreso tra i 3.000 e i 20.000 euro, e comprendono studi di fattibilità economico-finanziari e di processo, progettazioni tecniche e direzione lavori riguardanti opere murarie e assimilate, realizzazione sistemi di qualità, certificazioni di qualità, ambientali, ristrutturazione locali anche relativamente al superamento delle barriere architettoniche, interventi sull’estetica esterna (installazione di serrande microforate, cancelletti, temporizzatori di luce), acquisto e installazione di impianti, macchinari ed attrezzature.

A valutare i progetti sarà una commissione tecnica istituita appositamente, che individuerà quelli che rispondo ai requisiti richiesti e concederanno le agevolazioni con un prestito a tasso agevolato fisso annuo del 0,50%, da rimborsare in tre anni altrettante rate annuali (le prime due di preammortamento) e con un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese ammesse all’agevolazione. 

Il bando, pubblicato in questi giorni sul sito ufficiale del Comune, ha durata di 12 mesi, ed è valido sino al 12 agosto 2017. La domanda di ammissione alle agevolazioni finanziarie dovrà essere presentata in forma cartacea, redatta in carta semplice e corredata dalla documentazione indicata nel bando, a partire dall’11 agosto 2016, e dovrà essere consegnata a mano, o tramite raccomandata A/R, all’Archivio Generale del Comune di Genova – Piazza Dante 10 – primo piano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Genova c'è lo scalone a cui si ispirò Hitchcock per "Vertigo"

Coronavirus

Ristorante aperto: «Siamo una mensa», ma scattano le multe

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Allerta meteo gialla in Liguria: le previsioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

GenovaToday è in caricamento