Banca Carige, comunicati i risultati della revisione periodica della Bce

La profonda azione di derisking fin qui realizzata e il rafforzamento patrimoniale condotto a fine 2019 hanno consentito il ridimensionamento del portafoglio crediti deteriorati

Banca Carige comunica che la Banca Centrale Europea, a conclusione del processo di revisione e valutazione prudenziale SREP (Supervisory Review and Evaluation Process) condotto con data di riferimento del 31 dicembre 2019 e tenendo conto delle informazioni rilevanti ricevute successivamente a tale data, ha notificato la nuova decisione (SREP decision) in materia di requisiti prudenziali da rispettare su base consolidata.

La profonda azione di derisking fin qui realizzata e il rafforzamento patrimoniale condotto a fine 2019 hanno consentito il ridimensionamento del portafoglio crediti deteriorati ad un ammontare inferiore al target 2019 assegnato da BCE e il raggiungimento di indicatori di rischiosità allineati alla media delle banche italiane sotto la diretta supervisione della BCE. L’Autorità di Vigilanza ha riflesso tale importante risultato in una riduzione di 50 bps del requisito aggiuntivo di Pillar 2 (P2R) rispetto a quanto precedentemente richiesto nell’ultima SREP decision del 2017.

Il livello minimo di Common Equity Tier 1 ratio richiesto è pari al 9,75%, ed è determinato come somma del requisito regolamentare minimo di Pillar 1 (4,5%), del requisito aggiuntivo di Pillar 2 (2,75%) e della riserva di conservazione del capitale – Capital Conservation Buffer (2,50%).

Il Total SREP Capital Requirement (TSCR), comprensivo del requisito regolamentare minimo di Pillar 1 pari all’8% e del requisito aggiuntivo di Pillar 2, è quindi pari al 10,75%. L’Overall Capital Requirement (OCR) richiesto è pari al 13,25%.

La BCE ha inoltre notificato a Banca Carige come il requisito aggiuntivo di Pillar 2 possa detenersi sotto forma di capitale primario di classe 1 (CET1) almeno per il 56,25% e di capitale di classe 1 almeno per il 75%.

Per quanto ancora attiene ai requisiti di natura prudenziale, alla luce delle valutazioni in merito ai dispositivi, alle strategie, processi e meccanismi posti in essere dalla Banca per fronteggiarne il rischio, la BCE ha concluso che non sono necessari requisiti aggiuntivi di liquidità.

Nella medesima comunicazione, con specifico riferimento alla copertura dei crediti deteriorati (NonPerforming Exposures – “NPE”), BCE ha espresso alla Banca la raccomandazione di implementare un graduale adeguamento dei livelli di coverage sullo stock di crediti deteriorati in essere al 31 marzo 2018 (secondo una logica complementare alle indicazioni fornite nell’Addendum alle Linee guida della BCE per le banche sugli NPE generati a partire da aprile 2018) a partire da un 40% entro il 2020 fino al 100% entro il 2026 per gli NPE garantiti con anzianità superiore ai 7 anni, e da un 50% entro il 2020 fino al 100% entro il 2025 per gli NPE non garantiti con anzianità superiore ai 2 anni.

Banca Carige rende altresì noto che il Consiglio di Amministrazione, preso atto che IBM ha manifestato la volontà di acquisire l’intera partecipazione detenuta da Carige in Dock Joined in Tech Srl (“Dock”), ha deliberato di procedere con il perfezionamento dell’atto di cessione della stessa. Banca Carige ricorda che, a far data dall’1 giugno 2018, ha esternalizzato il sistema informativo del Gruppo alla Newco Dock Joined in Tech Srl partecipata all’81% da IBM e per il 19% dalla Banca; nell’ambito delle discussioni tra le parti IBM ha di recente manifestato l’interesse a esercitare l’opzione di acquisto della quota detenuta Banca. Tale iniziativa deriva dalla volontà di IBM di aprire Dock al mercato al fine di acquisire ulteriori clienti perseguendo nuove opportunità di business con una migliore valorizzazione delle proprie risorse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’ottica di collaborazione e partnership che contraddistingue la relazione fra IBM e il Gruppo Carige, la Banca ha rappresentato la propria disponibilità ad accogliere le richieste ricevute. La variazione nell’assetto societario di Dock che deriverà dall’operazione e che comporterà, a tendere, la titolarità del 100% della società da parte di IBM, non avrà ricadute sul contratto di servizio per la fornitura di servizi informatici in favore del Gruppo Carige. Il corrispettivo dell’operazione è pari a €2,1 milioni ed è stato determinato da Deloitte Financial Advisory Srl, sulla base delle stime del valore economico della partecipazione detenuta da Carige in Dock.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, possibile "mini lockdown" in tutta Genova: «I contagi crescono ovunque»

  • Covid, tutta Genova diventa zona "ad alta attenzione": firmata la nuova ordinanza

  • Covid, coprifuoco a Genova dalle 21 alle 6: ecco cosa si può (e non si può) fare

  • Auto pirata travolge gruppo di giovani a Quezzi, 4 feriti gravi tra cui una ragazza incinta

  • Incidente a Quezzi, arrestato il pirata della strada

  • Le bucano le gomme perché lesbica, lo sfogo dell'infermiera Camilla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
GenovaToday è in caricamento