rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

Banca Carige: si rafforza l'ipotesi aggregazione con altro istituto

L’ipotesi di un'aggregazione di Banca Carige con altri istituti di credito per rafforzarne la posizione è sempre più concreta. La soluzione è appoggiata anche da Governo e Banca d’Italia

Il controllo di Carige, dopo la crisi che ha colpito l'istituto negli scorsi anni, è ora del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi che sta valutando l'ipotesi di aggregare l'istituto ligure con un'altra banca più solida. Questo fondo, a cui partecipano tutte le banche, ha l’obiettivo di tutelare i correntisti di istituti in dissesto finanziario.

Gli effetti della crisi continuano a farsi sentire sui bilanci di Carige e la soluzione caldeggiata dal Governo e da Banca d’Italia sarebbe quella di un'alleanza tra l’istituto ligure e un partner forte che possa portarla in acque più calme. Il fondo che controlla la banca dovrebbe riunirsi il prossimo giovedì 16 dicembre, con l’obiettivo di illustrare i possibili futuri scenari dell'istituto ligure.

Saranno messe sul tavolo le diverse opzioni per garantire un futuro sereno alla banca, tra queste la più accreditata è proprio un accordo con altri istituti di credito o soggetti finanziari. La soluzione diventa ogni giorno più obbligata, in particolar modo dopo che Cassa Centrale Banca si è ritirata dalla trattativa per rilevare Carige, un’opzione che nei mesi scorsi sembrava essere prossima a concretizzarsi.

L’operazione di aggregazione sarebbe anche agevolata da particolari benefici fiscali. L’operazione potrebbe infatti ricadere nelle Dta, le cosiddette imposte differite attive, che sono state prorogate da Governo e Parlamento fino al giugno 2022 anche in vista della fusione Unicredit-Mps che non si è poi materializzata.

Un altro aspetto che potrebbe accelerare questa operazione è legato alle positive condizioni dell’economia italiana che stanno portando benefici ai risultati operativi della banca, anche se il bilancio resta segnato dagli accantonamenti. La notizia ha fatto impennare il titolo dell’istituto ligure in borsa che ha fatto segnare ieri 13 dicembre un +8,14%, gli istituti bancari che potrebbero avere nel mirino Carige sono Bper Banca e Credit Agricole.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banca Carige: si rafforza l'ipotesi aggregazione con altro istituto

GenovaToday è in caricamento