Stop a tasse comunali per artigiani e commercianti che investono

Non potranno beneficiare dei contributi solo alcune attività tra cui case e sale da gioco, sale scommesse, compro oro, centri massaggi, articoli per soli adulti (sexy shop), money transfer e money change, internet point e vendita di derivati dalla canapa

Contributi economici pari a 12 mesi di imposte comunali per chi ha investito nel 2019 o investirà nel 2020 a Genova: è questa la nuova misura a sostegno degli investimenti commerciali e artigianali in città contenuta in un bando dell'assessorato al Commercio e Artigianato. Il bando si inquadra nella volontà dell'amministrazione comunale di attuare politiche di valorizzazione commerciale e incentivare le attività economiche che costituiscono il tessuto commerciale e artigianale della città, con particolare riguardo alla categoria delle micro e piccole imprese.

Il finanziamento totale ammonta a 300mila euro. La corresponsione di contributi è destinata a micro e piccole imprese che abbiano investito risorse nel territorio cittadino, avviando una nuova impresa o ampliando un'attività esistente.

«Abbiamo fortemente voluto sostenere chi ha deciso e chi deciderà di investire nella nostra città - sottolinea l'assessore al commercio e artigianato Paola Bordilli -. Un dovuto riconoscimento e un incentivo all'importante funzione di presidio del territorio svolto dalle piccole imprese commerciali e artigianali. Il bando avrà una prima scadenza alla fine di febbraio. Riteniamo che l'apertura di nuovi esercizi, l'ampliamento e il miglioramento delle attività di micro e piccole imprese, compresi anche gli ambulanti, siano meritevoli di sostegno economico da parte dell'amministrazione comunale».

Le somme saranno pari alla totalità dei tributi, canoni o tariffe comunali corrisposti.

Alcuni requisiti specificati nel bando

  • l'apertura di nuove unità locali o l'accessione di nuovi spazi, anche su suolo pubblico, da destinare all'attività al pubblico (no magazzini);
  • l'ampliamento della superficie netta di vendita all'interno di locali privati, deve rappresentare almeno il 20% della superficie autorizzata;
  • l'ampliamento e il miglioramento dell'offerta commerciale e del servizio al pubblico mediante incremento di personale dipendente con contratto a tempo indeterminato o di durata pari almeno a un anno, ovvero l'estensione dell'orario per dipendenti a tempo parziale;
  • l'ampliamento dell'offerta commerciale e del servizio al pubblico mediante interventi edilizi o adozione di misure non obbligatorie di miglioramento dell'accessibilità e della fruibilità per le persone con ridotte capacità motorie e/o sensoriali;
  • interventi edilizi di riqualificazione dell'unità locale quali: manutenzione straordinaria; restauro/ risanamento conservativo; ristrutturazione edilizia, volti a migliorare l'attrattività del locale.

Non potranno beneficiare dei contributi solo alcune attività tra cui case e sale da gioco, sale scommesse, compro oro, centri massaggi, articoli per soli adulti (sexy shop), money transfer e money change, internet point, vendita di derivati dalla canapa, vendita mediante distributori automatici in locale dedicato, esercizi e/o attività aventi carattere temporaneo e stagionale. L'elenco completo sarà desumibile dal bando.

Il bando è disponibile sul sito istituzionale del Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Corso Europa, identificate le due vittime

  • Corso Europa, auto si ribalta e prende fuoco: due morti

  • Dopo vent'anni di attività chiude Foot Locker

  • Il meglio del weekend a Genova: Hogwarts Express, focaccette di Crevari, teatri e tanto altro

  • I migliori ristoranti sushi all-you-can-eat di Genova: la guida 2020

  • Cassano torna in campo: nuova esperienza in Aics con tripletta all'esordio

Torna su
GenovaToday è in caricamento