Moneta elettronica e home banking, in Liguria è boom

Bancomat e carte di credito stanno prendendo pian piano il posto di banconote e monete

Moneta elettronica e home banking, è boom anche in Liguria. Secondo i dati diffusi da Confartigianato, negli ultimi anni la diffusione dei pagamenti elettronici è aumentata del 35,3%: nella nostra regione, sono oltre 61mila i terminali, a testimoniare come Bancomat e carte di credito stiano prendendo pian piano il posto di banconote e monete. E, di pari passo, aumenta anche l’home banking. 

Nell’ultimo triennio il valore delle operazioni elettroniche via Pos è salito a un ritmo otto volte più veloce di quello dei consumi: 40,7% contro 5,1% della spesa delle famiglie. Un dato strettamente legato a una sempre maggiore adozione del Pos da parte delle imprese, anche in Liguria.

A dimostrarlo, l’ultima analisi dell’Ufficio studi Confartigianato su dati Banca d’Italia, secondo la quale nella nostra regione, tra il 2013 e il 2015, il numero dei Pos è cresciuto del 35,3%. I terminali erano 45.139 nel 2013, sono passati a oltre 56mila nel 2014 e nel 2015 risultano poco più di 61mila. In Italia, dove la crescita media è del 26,6% (si contano oltre 1,9 milioni di Pos), solo quattro regioni hanno superato l’aumento del 40% nel corso del triennio: Friuli Venezia Giulia (+40,6%), Campania (43,2%), Basilicata (46,5%) e Molise (48,6%).

«Abbiamo assistito a un boom dei pagamenti e dei terminali elettronici – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – e, malgrado l’introduzione del tetto massimo sulle commissioni bancarie, si devono ancora migliorare i costi complessivi delle transazioni. L’estensione di questo strumento consentirebbe alle imprese di offrire ai propri clienti un miglior servizio, unito a una maggiore efficienza e sicurezza nelle transazioni commerciali».

PAGINA SUCCESSIVA: IL "PRIMATO" DI GENOVA E L'HOME BANKING

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ferrari distrutta per Marchetti mentre si allena a Pegli

  • La Liguria torna in zona gialla, ma si attende il nuovo (e più severo) dpcm: cosa si sa

  • Covid, la ricerca delle università di Genova, Okinawa e Francia: «Il distanziamento non basta»

  • Covid, firmato il nuovo dpcm: spostamenti, asporto e scuola, cosa prevede

  • Weekend in zona arancione: le regole su spostamenti, negozi e supermercati

  • Il genovese "Fotografo dei Puffi" conquista i social: «Così faccio conoscere la Liguria con fantasia e ironia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento