rotate-mobile
Economia

L'allarme di First Cisl: "Oltre la metà dei comuni liguri è senza sportelli bancari"

Il sindacato ha spiegato che il problema coinvolge circa 114mila persone nella nostra regione

Sono circa 114mila le persone che risiedono in comuni della Liguria sprovvisti di sportelli bancari. A lanciare l'allarme è First Cisl che ha creato un Osservatorio sulla desertificazione bancaria con la finalità di sensibilizzare l’opinione pubblica e la classe politica, nazionale e locale, sulle conseguenze che questo preoccupante fenomeno comporta per lo sviluppo del Paese e la tenuta del suo tessuto lavorativo e sociale.

Alla luce degli studi compiuti emerge una situazione estremamente allarmante per quanto riguarda il nostro territorio regionale: sono circa 114mila le persone che risiedono in comuni della Liguria sprovvisti di sportelli bancari, di cui oltre il 40% sono cittadini privati dell’accesso ai servizi bancari in un arco temporale molto breve che va dal 2015 al 2021; su un totale di 234 comuni liguri, oltre la metà (ben 125) non ha sportelli bancari sul proprio territorio, mentre in 38 comuni (oltre il 16% del totale) è presente un solo sportello; pertanto si può riassumere che oltre i due quinti dell’intero territorio ligure è colpito dal fenomeno della desertificazione bancaria, evidenziando una preoccupante tendenza in aumento negli ultimi anni a partire dal 2015 (la superficie complessiva priva di presidi bancari rappresenta il 42,27% della superficie totale regionale).

"Passando a un'analisi dei gruppi bancari presenti in regione - spiega First Cisl Liguria - si evidenzia che Banca Carige, oggi dentro il Gruppo Bper, guida la classifica sia delle banche presenti in comuni liguri con un solo sportello (19) sia delle banche che negli ultimi 7 anni hanno chiuso l’ultimo sportello che ancora era presente in alcuni comuni liguri (16)". 

Fabrizio Mattioli (segretario generale First Cisl Liguria) e Matteo Muzio (segretario responsabile First Cisl Carige) commentano: "La rilevanza che il fenomeno della desertificazione bancaria, in termini di abbandono dei territori e conseguentemente di forte rischio sulla tenuta dei livelli occupazionali e sociali, ha in generale sulla nostra regione non può che andare inevitabilmente ad intrecciarsi con la delicatezza e la particolarità del momento storico che vedrà, alla fine di novembre, Banca Carige integrarsi in Bper Banca. A fronte di ciò diventa sempre più necessaria, nel breve così come nel lungo periodo della realtà Bper, la presenza di una rete di sportelli capillare su tutto il territorio regionale e la valorizzazione in Liguria di strutture di sede adeguate da un punto di vista numerico, sia in termini di lavorazioni che di personale. L’obiettivo di First Cisl continuerà ad essere in maniera convinta la tutela dei lavoratori, la centralità e la dignità della persona, la salvaguardia dei presidi territoriali".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'allarme di First Cisl: "Oltre la metà dei comuni liguri è senza sportelli bancari"

GenovaToday è in caricamento